Il Foggia si prende i tre punti a Salerno con un rotondo 0-3

0

Ci credevano i giocatori, la voleva fortemente questa vittoria Giovanni Stroppa. Ed alla fine a Salerno, dopo un primo tempo di sofferenza, il Foggia può tornare a gioire insieme ai trecento tifosi che in questa fredda serata pre-natalizia hanno raggiunto l’Arechi per la ventesima giornata del campionato di serie B.

Una vittoria frutto della pazienza e delle scelte di Stroppa che, nella ripresa cambia la coppia d’attacco lanciando Calderini e Floriano al posto di Beretta e Chiricò che nel primo tempo non sono riusciti ad essere pericolosi.

Certo, la Salernitana può appellarsi alla sfortuna dei tre legni colpiti, ma il Foggia ha saputo, per una volta, mantendere alta la concentrazione difensiva per tutta la gara, si è compattata dietro la linea della palla ed ha trovato in Tarolli un portiere dalle buone qualità.

La cronacavede partire meglio i padroni di casa, con Stefano Colantuono all’esordio davanti al pubblico amico, ma il Foggia è ordinato e non sbanda, come fin troppe volte ha fatto soprattutto nei primi minuti di gioco.

La gara è giocata su buoni ritmi da parte di entrambe le squadre, con i pugliesi che hanno ormai rinunciato al gioco profondo sulle fasce e cercano la verticalizzazione, lasciando a Sprocati e Gatto il controllo della trequarti.

Il primo tempo si chiude a reti bianche. La Salernitana spinge di più ma non punge. Il Foggia pensa più a difendersi. E nella ripresa si riparte sulla stessa falsariga dei primi 45′ di gioco.

Almeno fino a quando arrivano i primi cambi. Nei granata entrano Di Roberto (subito ammonito e pericoloso) e Rosina (che non incide per nulla sulla gara), mentre il Foggia guadagna in vivacità e pericolosità con Floriano e Calderini.

Ma è nel finale che emerge tutto il cinismo dei pugliesi, con Floriano che affonda il colpo ed Agazzi che tira la stoccata che uccide la partita proprio nel momento di maggior sforzo dei padroni di casa. Nel finale, poi, arriva la perla di Floriano, che sigla la sua personale doppietta e si regala una serata da incorniciare.

Sono tre punti d’ossigeno puro per il Foggia, che si rilancia in classifica e risponde alla Ternana che vince per 4-3 sulla diretta concorrente Pro Vercelli. I foggiani si issano a quota 22 punti agganciando l’Avellino e riprendendo il treno della salvezza. Ma soprattutto ritrovano il pieno sorriso e il successo che mancava ormai da 5 giornate.

Commenta l'articolo

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.