Foggia ko contro lo Spezia. Stroppa: “dispiace molto perdere in questo modo”

0

Continua la striscia negativa del Foggia, e ieri sera nell’anticipo della diciottesima di campionato è arrivata la terza battuta d’arresto consecutiva, al Picco. La cronaca ha visto una gara combattuta e molto equilibrata, senza grandi sussulti e decisa da un tocco di un vero campione.

A decidere il match è Alberto Gilardino che trasforma in gol un traversone dalla sinistra di Lopez con palla alla destra di Tarolli.

Nel secondo tempo il Foggia ci prova e spinge maggiormente. Prende il centrocampo, ma spreca la più grande occasione al 16’ quando l’appena entrato Chiricò tocca fuori davanti a Di Gennaro in uscita, mentre dall’altra parte il giovane portiere Tarolli si oppone con il corpo il tiro ravvicinato di Marilungo al 18’. Le occasioni non si vedono, e soltanto nel finale di gara è Vignali che spreca il raddoppio per i padroni di casa che, ancora una volta, fanno del “Picci” il loro baluardo (sesta vittoria interna del campionato).

Per il Foggia c’è da recriminare per una squadra apparsa spuntata e senza lucidità in attacco. Non è bastato il cambio di modulo, con i tre centrali ed una difesa che diventava a cinque con l’arretramento di Gerbo e Celli, impegnati a tutta fascia.

“Fare un secondo  tempo come quello di oggi, per il gioco espresso, aver creato 3 palle gol e non portare a casa nulla dispiace molto, soprattutto in un momento come questo in cui i punti sono determinanti”.

La delusione è palpabile in Giovanni Stroppa a fine gara, e pur rammaricandosi per le assenze: “Mazzeo è unico, ci dà autostima, fa alzare il livello tecnico, ma non c’è”.

E per  Stroppa resta una sola la strada: “Continuare a lavorare così e provare a portare a casa più punti possibile”. Sul modulo tattico provato oggi Stroppa spiega: “Oggi avevo pochi uomini, per tutta la settimana avevo provato il 5-3-2 e avevo avuto buone risposte confermate oggi dal campo. La verità è che moduli a parte se non facciamo gol alla fine si perde”.

Sulla gara resta forte il rammarico: “Avevano preparato la gara per provare a giocare un po’ più alti. Ma lo Spezia ha qualità e siamo rimasti più bassi, ma non abbiamo rischiato nulla e i dispiace tantissimo, perché subire così poco e non gare punti fa ancora più male”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.