Gargano e Genova: due pesi e due misure per la stessa tragedia

0

Non è bello, eppure va detto. Sarà che il Gargano non è Genova, o che gli occhi e le attenzioni dei media si sono soffermati molto di più sul dramma dei liguri che su quello dei pugliesi, sarà pure una guerra tra poveri e disperati, tra chi ha perso tutto e chi deve piangere la morte di un congiunto. Ma i due pesi e le due misure adottate sono clamorosamente sul piatto della bilancia, e dimostrano come, volendo, ci si può attivare in tempi rapidissimi e senza aspettare le lungaggini che, come nel caso del Gargano, hanno portato via 50 giorni solo per la dichiarazione dello stato di calamità da parte del Consiglio dei Ministri.

Per Genova mobilitazione immediata, partita della Nazionale di calcio, raccolta fondi e, soprattutto vantaggi fiscali immediati per le aziende che non saranno costrette a pagare i tributi in scadenza. Per la Puglia? Dopo i proclami ed i sorvoli in elicottero… il nulla. Figli di un’altra Italia o semplicemente dimenticanza colpevole degli amministratori e dei governanti?

“Ieri si è giocata la partita amichevole di calcio tra Italia e Albania, il cui ricavato andrà interamente in beneficenza per Genova. Mi sembra di dover iniziare una guerra tra poveri aventi tutti le proprie ragioni, ma mi si deve consentire almeno di rilevare quanto si stia facendo per l’alluvione in Liguria e quanto silenzio sia caduto, invece, sul dramma parimenti vissuto dalla popolazione del Gargano”. Lo dichiara il consigliere regionale di Forza Italia, Giandiego Gatta.

“Non posso sottacere neppure – aggiunge – il vantaggio di Genova sul fronte dei tributi statali, per i quali il Governo ha concesso la proroga dei termini per il pagamento. Noi, invece, abbiamo dovuto lottare solo per la dichiarazione dello stato di emergenza, a cui non è stato dato ancora alcun seguito concreto. Per qualcuno, forse, le vittime dell’alluvione del Gargano hanno meno peso di quelle liguri! In tutto questo, è più che legittima anche una domanda: la Regione Puglia dov’è? Come è possibile che nessuno stia sbattendo i pugni a Roma, con il Governo nazionale dello stesso colore politico di quello pugliese, per richiedere agevolazioni e aiuti per il nostro territorio? Passano i giorni, i mesi, ed il Gargano sta reagendo da solo ai danni della violentissima ondata di maltempo”.

“Un pessimo spettacolo del Pd di Renzi e del centrosinistra pugliese – conclude Gatta – che hanno dimenticato la Provincia di Foggia, e nulla stanno facendo per alleviare, seppur di poco, le sofferenze della nostra comunità”

Condividi
Roberto Mastrangelo
Coordinatore Redazionale del progetto PugliaIn.net. Socio fondatore dell'Associazione Scritture Digitali, in passato giornalista per il Movimento, Roma, il Patto, il Resto, l'Indipendente, Puglia d'Oggi, Cerca la domanda scomoda da fare nel momento peggiore.

Nessun commento

Commenta l'articolo