Gargano: oltre ai danni la tragica beffa dei tributi

0
Il litorale di Peschici dopo l'alluvione. Foto tratta da festambientesud.it

La beffa del Governo Renzi per il Gargano. Ci sarebbe da ridere, se non fosse tragicamente vero e reale il provvedimento adottato dal Governo che insulta i residenti delle zone alluvionate del Gargano per cui nello scorso mese di ottobre esano stati sospesi i pagamenti dei tributi.

Gli adempimenti e i versamenti tributari nei Comuni colpiti dalle alluvioni nei mesi scorsi e per i quali era stata prevista la sospensione fino al 20 dicembre 2014, devono essere effettuati in un’unica soluzione entro il 22 dicembre prossimo. Dunque un rinvio di due mesi, ma l’impossibilità di pagare a rate tasse che promettono di devastare commercio ed imprese già duramente colpite dalle avverse condizioni atmosferiche nei mesi passati.

“Che Renzi fosse un giullare, già lo sapevamo; ma che avesse in mente di prendere in giro i cittadini oltre i confini degli ’80 euro’, ci sembrava difficile. Ai danni del Gargano si è svolta tutta la migliore sceneggiata della sinistra: dalle passerelle con i piedi nel fango, alla promessa di agevolazioni fiscali ‘anche’ per il foggiano, salvo poi scoprire che si richiede il pagamento di tutte le tasse statali il 22 dicembre, due giorni dopo la fine della sospensione. Solo una richiesta: andate a casa”. Lo dichiara il consigliere regionale di Forza Italia, Roberto Ruocco.

“Molti cittadini del Gargano, tra l’altro, avevano già pagato quanto dovuto dal momento che il nostro territorio ha ricevuto la cortese attenzione del governo molto dopo altre Regioni, con conseguente beneficio delle pseudo agevolazioni. Dire che non è serio è usare un eufemismo -conclude- che striderebbe anche con il nostro umore… Perché siamo evidentemente stufi delle balle di Renzi, Emiliano e Vendola”.

Gli fa eco Giandiego Gatta, anch’egli consigliere regionale foggiano di Forza Italia. “Abbiamo gente evidentemente poco seria alla guida del Governo Nazionale: solo così si spiega la beffa ai danni del Gargano e delle popolazioni colpite dalle calamità naturali. Una vergogna di cui Renzi e la sinistra tutta hanno la responsabilità, dopo aver illuso i cittadini di poter godere di agevolazioni fiscali che, in realtà, non ci sono mai state”.  “In tutto ciò, la sinistra regionale è silente, nascosta (forse) per l’ovvio imbarazzo. Noi, invece, ci esponiamo e chiediamo misure concrete per il Gargano. Se ci saranno altri bluff –conclude- non attenderemo per manifestare il nostro sdegno nelle piazze, al fianco della popolazione, come sempre”.

Condividi
Redazione
#raccontiamolapuglia. Quotidiano online indipendente di carattere generalista con un occhio particolare alle tante eccellenze della nostra regione.

Nessun commento

Commenta l'articolo