#GhostbustersFest al Galleria di Bari

0

Si scrive mercoledì 19 novembre 2014, si legge mercoledì 21 novembre 1984. Così il Multicinema Galleria (Corso Italia 15, Bari) ci riporta al tempo dei Duran Duran, per festeggiare i 30 anni del primo colossal spassoso dalla storia – quasi paradossale, sicuramente paranormale – che sbancò i botteghini di tutto il pianeta:  Ghostbusters

Un film di Ivan Reitman, con il quartetto Dan Aykroyd, Bill Murray, Harold Ramis e Rick Moranis. Giovani attori che abbandonano i panni di comici nello storico show televisivo “Saturday night live” per vestire i panni di quattro scienziati, con qualche difficoltà ad adattarsi alla vita sociale e a comprenderne le convenzioni, (nerd ricondensati nella estemporanea serie di successo “The Big Bang Theory”) che decidono di aprire a New York un’agenzia di acchiappafantasmi.
L’incredibile successo di questa avventura esilarente in cui al braccio dei protagionisti una giovane e straordinaria Sigourney Weaver, Slimer il fantasma verde, che solo Casper è riuscito a mettere in ombra, si è cristallizato in un vero e proprio caso “non è vero, non ci credo, ma ci provo”. Tant’è che all’uscita dalle sale (negli Stati Uniti venne proiettato a partire dal 7 giugno 1984) gli spettatori componevano il numero di telefono dell’agenzia “Ghostbusters”, che compariva in uno dei frame. Il numero ricevette circa 1000 chiamate all’ora per sei settimane. Chi lo componeva sentiva le voci registrate di Aykroyd e Murray che si scusavano per l’assenza in quanto… a caccia di spettri!

Nel loro ultimo concerto a Roma, i Kasabian hanno celebrato la notte di Halloween e i 30 anni del film, proprio suonando  “Ghostbusters”; il successone che incornicia l’indimenticabile colonna sonora, firmato da Ray Parker Jr.

Ma come nella migliore – attuale – tradizione, “the show must go on” nella misura in cui lo spettacolo diventa – irrealtà -concreta. Senza soluzione di contnuità; la festa continua in rete dove l’invito per tutti gli appassionati è quello di taggarsi vestiti da acchiappafantasmi, con tanto di sensori e armi a pressione, con l’hashtag #GhostbustersFest per entrare virtualmente a far parte della prima Academy Ghostbusters: una gallery fotografica dedicata che sarà condivisa su tutte le pagine ufficiali della festa.

Per gli spettatori che faranno un passo indietro di trent’anni e si presenteranno al Galleria abbigliati da fantasmi sarà regalata una locandina del film. Si salvi chi può. E chi non può si goda il film.

Condividi
Maria Pia Ferrante
Nata a Bari nel 1982, laureata in Farmacia, è insegnante e pubblicista. Appassionata di cinema e musica, vivrebbe ovunque purché davanti un palco o un grande schermo. Mischia cucina e alchimia. Sunset victim; rock fanatic. Girovaga per festival e si commuove sempre sulla sigla di Fuori Orario

Nessun commento

Commenta l'articolo