Going around: due speaker molto speciali!

0

Si chiamano Giovanni e Mariapaola e sono i due speaker più ricercati del momento: due ragazzi speciali, entrambi down, uniti dalla passione civile di chi vuole fare qualcosa per cambiare il proprio Paese, o quantomeno per capire che cosa non va.

La coppia radiofonica condurrà da domani alle 13 “Going around”, un programma su Radio luogo comune, un’emittente in podcast, e potrete ascoltarli collegandovi alla pagina Facebook  .

Racconteranno le nostre città, le nostre abitudini, le paure e le difficoltà di un paese in crisi, ma faranno parlare la gente, da quella comune al mondo degli artisti.

Giovanni e Mariapaola hanno abbandonato ogni timidezza, entreranno direttamente nelle case dei baresi, una puntata per esempio si svolgerà in un appartamento di Molfetta, dove avrà luogo un Home food, un evento che vede raccolti degli artisti attorno alla tavola di un’abitazione privata, nella prima punta invece (in onda domani) i nostri due giornalisti intervisteranno la gente al mercato del pesce di Bisceglie, tasteranno il polso alla città, e metteranno il naso anche in giro per la provincia.

“Vogliamo che questa nostra iniziativa trovi la massima partecipazione”, spiega uno degli ideatori, Francesco Mangione, “è emozionante vedere ragazzi così coinvolti, e lo dobbiamo all’associazione partner “Futuro anteriore” che si occupa di disabilità di vario genere, e organizza laboratori artigianali per tutti i partecipanti”.

Per il momento le puntate previste sono tre, ma se il numero dei fan aumenterà allora Radio luogo comune dovrà attrezzarsi per intensificare le interviste dei due conduttori e far girare Giovanni e Mariapaola per tutto il territorio alla ricerca di nuovi spunti e nuovi temi da affontare.

Condividi
Ida Galise
laureata in Lettera Classiche, docente e giornalista pubblicista. Leggere e scrivere sono le prime cose che ha imparato da bambina, e le sembrava un peccato sottovalutarle. Vorrebbe essere onnisciente e ubiqua, ma finora non ci è ancora riuscita.

Nessun commento

Commenta l'articolo