Graziano Pellè, lu mare, lu gol e lu Southampton

0

Andy Warhol ha garantito a tutti un quarto d’ora di celebrità. Graziano Pellè ha avuto bisogno di 8 minuti in più per timbrare con un gol il suo esordio con gli azzurri. Badate bene però, perché lontano da casa Graziano da Santa Cesareo di Lecce, 30 anni il prossimo 15 luglio, è già abituato alla luce dei riflettori: 55 reti segnate in due stagioni con la maglia del Feyenoord, nei Paesi Bassi, 4 gol dopo 7 partite al Southampton, dove i tabloid inglesi l’hanno già ribattezzato The italian goalmachine (la macchina da gol italiana). Niente male per chi in Italia è stato sempre relegato in serie B – Crotone, Cesena, Sampdoria – o ai margini della serie A – Lecce, Parma.

E pensare che per caratteristiche tecniche e fisiche Graziano Pellè rappresenta un unicum nella rosa delle prime punte azzurre. Un Luca Toni meno avanti con gli anni, forte di testa e in acrobazia, come testimonia l’ultima marcatura in terra d’Albione, una rovesciata decisiva per il suo Southampton nella vittoria per 2-1 contro il Queens Park Rangers.

Qualche timida esperienza nelle nazionali di categoria: 4 reti nel Mondiale Under-20 disputato nel 2005 nei Paesi Bassi che non aiutarono gli azzurri a superare il Marocco ai quarti di finale. Un cucchiaio nella fase finale dell’Europeo Under-21. anche’essa nei Paesi Bassi, nella lotteria dei rigori contro il Portogallo. Poi l’indifferenza, nonostante i gol segnati nella Eredivisie olandese prima con la maglia dell’AZ Alkmaar, poi con quella del Feyenoord. Sino alle ultime convocazioni di Antonio Conte, anche lui salentino come The italian goalmachine, e al primo, decisivo gol contro Malta.

Abbiamo trovato, forse,  un centravanti all’altezza per la nostra abulica Nazionale?

 

Condividi
Laureato in Scienze della comunicazione, vive una condizione mentale-lavorativa a suo dire schizofrenica: cerca con insistenza di unire in un’unica professionalità il suo amore per il web e la scrittura. Ama la Puglia e per questo, nonostante le difficoltà ha deciso di restare qui.

Nessun commento

Commenta l'articolo