Huawei: svelato il mistero della statua apparsa sul lungomare di Bari

0

Cosa ci fa una statua, apparentemente pesantissima, sul lungomare di Bari, spuntata dalla notte alla mattina, all’improvviso?

E la stessa cosa è successa a Napoli. Volti ai più sconosciuti che raccontano storie e fanno parte di una nuova campagna promozionale.

Se in questi giorni vi siete chiesti cosa ci facessero due enormi statue comparse all’improvviso a Napoli e a Bari e una “in cerca di casa” a Milano, ecco svelato il mistero. Fanno parte della nuova campagna I AM WHAT I DO, lanciata da Huawei in occasione dell’arrivo in Italia del suo ultimo device HUAWEI Mate 10 Pro, il primo smartphone con intelligenza artificiale integrata. I AM WHAT I DO racconta le storie di chi, grazie all’innovazione tecnologica, ha saputo raggiungere i propri traguardi professionali contribuendo a migliorare concretamente la vita delle persone.

La presenza delle due statue alte ben 12 metri a Napoli e a Bari, erette il 9 novembre, e di una terza statua, avvistata nei luoghi più rappresentativi e trafficati di Milano il 10 novembre, a bordo di 2 camion, ha generato molta curiosità tra i passanti, che hanno utilizzato i profili social per condividere con la community i propri commenti.

Per chi non li avesse ancora riconosciuti, i volti sono quelli che Huawei definisce eroi di domani: Massimo Ciociola, Monica Calicchio e Diva Tommei. Tre imprenditori definiti eroi perché grazie all’audacia, al loro potere visionario e alla tecnologia, hanno dato vita a tre realtà che, già oggi, stanno contribuendo a cambiare la vita di tutti noi. Protagonista indiscusso della campagna insieme ai tre “eroi” Huawei Mate 10 Pro che, grazie all’intelligenza artificiale, è in grado di ottimizzare le prestazioni dello smartphone e personalizzare la user experience in base all’utilizzo quotidiano che l’utente fa del device.

La campagna è un vero e proprio inno che motiva le persone a raggiungere i propri obiettivi e superare i propri limiti, per incentivare anche i più giovani a realizzare i loro sogni e a pensare in grande, come hanno fatto Massimo, Diva e Monica.

Vediamo in dettaglio chi sono i tre protagonisti della nuova campagna Huawei:

Massimo Ciociola

Ciociola è CEO e founder di Musixmatch e ha prestato il volto alla statua “errante” che ha vagato tra le strade più importanti di Milano. Una scelta rappresentativa, che dimostra come, anche in condizioni difficili, un Eroe di domani sa individuare percorsi alternativi e sa perseguirli con dedizione, tenacia e capacità di adattamento. Ciociola ha creato il più grande catalogo online di testi di canzoni, definito da Mark Zuckerberg “una delle realtà imprenditoriali italiane più interessanti e promettenti del panorama digital”. L’app consente di visualizzare, mentre le si ascolta, i testi delle canzoni sul proprio smartphone oltre che di riconoscerle.

Monica Calicchio

Calicchio è invece la protagonista della statua situata presso la Rotonda Diaz, a Napoli. Determinata e da sempre appassionata di moda, Monica ha fondato Tailoritaly, la prima piattaforma online per personalizzare e acquistare capi di abbigliamento Made in Italy e riceverli direttamente a casa propria.

Diva Tommei

Infine, presso Largo Giannella a Bari, Huawei dedica la statua a Diva Tommei, unica italiana a essere indicata dal sito Eu Startups tra le startupper più promettenti d’Europa. Nonostante la sua giovane età, Diva ha inventato Caia, una speciale lampada di design che si basa sulla tecnologia eliostatica, capace di intercettare la luce del sole e di ridirezionarla all’interno della casa. Un progetto concreto e altamente innovativo, che permetterà alle persone di illuminare le stanze delle proprie abitazioni (fino a 47mq) direttamente con la luce naturale.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.