I Cinque Stelle di Foggia attivano la raccolta di olio alimentare usato

0

Anche a Foggia i cittadini potranno favorire il riciclo dell’olio alimentare usato, e questo non per il tramite del Comune di Foggia o dell’Amiu, enti istituzionalmente preposti e gravemente inadempienti, “ma grazie all’impegno del Meetup Cinque Stelle Foggia e del Gruppo Risveglio Civile a Cinque Stelle – sottolineano Franco Cuttano e Nino D’Andrea – I due gruppi hanno infatti contattato un’azienza privata foggiana specializzata nello smaltimento e recupero di varie tipologie di rifiuti, che si è detta subito disponibile a ritirare l’olio usato per avviarlo al riciclo. Olio che gli attivisti ed i simpatizzanti del Movimento raccoglieranno giorno per giorno nelle loro cucine e conferiranno, una volta ogni mese a partire dal prossimo 22 novembre, presso il gazebo che sarà allestito nell’isola pedonale”.

Occorre ricordare che l’olio usato (cottura, di conserva, ecc…) è estremamente inquinante. I depuratori non sono in grado di eliminare totalmente le particelle di olio presenti nell’acqua e così questo rifiuto rischia di giungere direttamente nei canali di scarico e nel mare, provocando ingenti danni ambientali ed economici.

“Questa iniziativa – spiegano i due – mira da un lato a consentire ai cittadini sensibili di incrementare la loro raccolta differenziata, con conseguente risparmio energetico, riduzione dell’impatto ambientale ed riutilizzo di materie prime seconde, e dall’altro, soprattutto, a sollecitare il Comune e l’AMIU ad assumersi l’impegno di operare una seria raccolta differenziata, anche dell’olio alimentare usato. Il Meetup chiede pertanto a tutti i cittadini di conservare in bottiglie, o recipienti adeguati, i residui di olio provenienti da fritture e da sott’oli, e di conferirli presso il contenitore che il Meetup metterà a disposizione il giorno convenuto”.

Condividi
Redazione
#raccontiamolapuglia. Quotidiano online indipendente di carattere generalista con un occhio particolare alle tante eccellenze della nostra regione.

Nessun commento

Commenta l'articolo