Il Festival del cinema di Venezia apre le porte alla Puglia

0

Si è conclusa la 71° edizione del Festival del cinema di Venezia, e anche quest’anno la Puglia ha portato i propri esponenti sul red carpet; pur non essendo stato girato alcun film in Puglia tra quelli in concorso, spiccano comunque i nomi di importanti attori, costumisti e produttori.

Parliamo di Riccardo Scamarcio, attore pugliese che ormai sempre più spesso veste i panni di produttore: al Lido è stato infatti presentato nella sezione Orizzonti “La vita oscena“, che Scamarcio produce insieme all’attrice Isabella Ferrari. Una storia intensa in cui il giovane protagonista, impersonato da Clement Metayer, affronta un tortuoso percorso di elaborazione del lutto per la scomparsa di entrambi i genitori. La storia è tratta dal libro di Aldo Nove.
Una delle pellicole intorno alle quali si era generata la maggiore aspettativa era “Il giovane favoloso“, il film di Mario Mortone sulla vita di Leopardi; nel cast, al di là di Elio Germano nel ruolo del poeta recanatese (che per questa interpretazione ha vinto il premio collaterale “Francesco Pasinetti”), c’è anche Michele Riondino, attore tarantino. Suo il ruolo di Antonio Ranieri, bohemienne ante-litteram che accoglie Leopardi nella sua parentesi di vita fiorentina, condividendo con lui l’amore di Fanny.

Fuori concorso è stato presentato anche “Perez“, noir che porta la firma autografa del produttore salentino Attilio de Razza. Per questa storia di malavita e scelte sbagliate sullo schermo appaiono Luca Zingaretti (il quale dichiara di aver trovato il ruolo di questo avvocato al limite della legalità “uno dei più difficili che abbia mai interpretato”) e Marco d’Amore, fresco del successo della serie di Sky Atlantic “Gomorra”.

Autentico trionfatore di questa edizione del Festival del Cinema con ben 5 premi all’attivo è “Hungry Hearts” di Saverio Costanzo, che tra i costumisti vede il nome di Antonella Canarozzi. Tarantina di nascita, ha sfiorato la vittoria di un’Oscar per il suo lavoro in “Io sono l’Amore”, diretto da Luca Guadagnino.

Condividi

Nessun commento

Commenta l'articolo