Il sogno di Peppino. Oggi moriva Giuseppe Di Vittorio

0

Se Peppino fosse ancora vivo e leggesse i quotidiani oggi, chissà quali invettive lancerebbe contro l’attuale Governo: operai caricati dalla polizia a Roma, articolo 18 in bilico perchè “ce lo chiede l’Europa”, disoccupazione alle stelle, largo divario fra classi agiate e meno abbienti.

La carriera sindacale e politica di Giuseppe Di Vittorio, carismatico protagonista della prima metà del Novecento italiano, è nata ben prima dei prestigiosi incarichi ricoperti, tra i quali spicca il ruolo di segretario della CGIL unitaria nel secondo dopoguerra. I presupposti per quella carriera sono nati nelle campagne della Capitanata, mentre il giovanissimo Peppino era sottoposto, insieme a tantissimi braccianti agricoli, alle dure leggi del caporalato.

La strenua difesa dell’indipendenza del sindacato da ogni altra forma di potere, da quello fascista negli anni ’20 e dall’influenza partitica degli anni ’40, è stata la cifra più significativa della sua attività sindacale.E mentre a Bari, nell’ottobre 1921, ci volle l’esercito per espugnare la Camera del Lavoro difesa a denti stretti da Di Vittorio contro l’assalto degli squadristi fascisti, furono solo ragioni politiche – la convocazione dello sciopero generale a sostegno di Palmiro Togliatti, ferito in un attentato – a scindere, nel 1948, la neonata Confederazione Generale Italiana del Lavoro nelle attuali CGIL, CISL e UIL.

Quest’ultimo avvenimento pose fine al sogno di Peppino: l’unità di tutti i lavoratori sotto un’unica bandiera sindacale, per lottare compatti contro quelle resistenze del mondo economico che impedivano, di fatto, l’emancipazione della classe operaia.

Condividi
Laureato in Scienze della comunicazione, vive una condizione mentale-lavorativa a suo dire schizofrenica: cerca con insistenza di unire in un’unica professionalità il suo amore per il web e la scrittura. Ama la Puglia e per questo, nonostante le difficoltà ha deciso di restare qui.

Nessun commento

Commenta l'articolo