Ilva: assolti in tre per un infortunio mortale

0

La Corte d’Appello ha deciso: nessuna condanna per un dirigente e due capireparti dell’Ilva per quello che, nel 2006, è risultato essere stato un drammatico incidente sul posto di lavoro, senza responsabilità da parte dell’azienda e dei preposti al controllo ed alla sicurezza.

La sezione distaccata di Taranto della Corte d’appello di Lecce ha assolto un dirigente e due capi reparto Ilva, condannati in primo grado ad un anno e 4 mesi per omicidio colposo per un incidente sul lavoro del 17 agosto 2006 che causò la morte di Vito Antonio Rafanelli, operaio di Molfetta (Bari), nel giorno del suo 33esimo compleanno. La sentenza annulla gli effetti delle statuizioni civili. In primo grado era stato assolto l’ex direttore dell’Ilva di Taranto Luigi Capogrosso.

Condividi
Redazione
#raccontiamolapuglia. Quotidiano online indipendente di carattere generalista con un occhio particolare alle tante eccellenze della nostra regione.

Nessun commento

Commenta l'articolo