InfoSmartCity, evitare il traffico di Bari con un’App

0

Specchio, specchio delle vie urbane, qual è la meno trafficata del reame“. Quando la giornata di lavoro sta per cominciare, la variabile traffico incide profondamente sul sapore del caffè latte. Si possono ottimizzare i tempi di preparazione mattutina, accorciarli sino all’esasperato modello Fantozzi, ma di fronte ad una carreggiata intasata non c’è secondo recuperato che tenga.

A Bari, dove ogni mattina la multiforme massa di pendolari automobile-dipendente sperimenta gli imbottigliamenti cronici delle più importanti vie d’accesso alla città – via Amendola, via Fanelli, via Napoli, per citarne alcune – c’è chi sta mettendo a punto un’applicazione per smartphone che indica in tempo reale quali sono le strade più congestionate e i possibili percorsi alternativi: InfoSmartCity, realizzata da Macnil all’interno del Living Lab Semina – in sinergia con Planetek, Sitael e Politecnico di Bari – regala ai cittadini la possibilità di sostituire alle imprecazioni da clacson mattutine un più salutare sorriso.

“Agli ingressi della città sono stati sistemati dei pannelli che mostrano lo stato del traffico nelle principali strade di Bari – racconta Mariarita Costanza, responsabile tecnico di Macnil – Abbiamo studiato un algoritmo che permette di risalire alle condizioni del traffico urbano dai dati che rinveniamo in tempo reale dal servizio di trasporto locale”. Avere i dati e trovare una modalità di analisi attendibile, però, non basta. “I pannelli informano i cittadini quando è ormai troppo tardi per cambiare percorso – spiega l’ingegnera – Per questo abbiamo pensato all’app, per dare la possibilità a tutti gli automobilisti di riprogrammare in tempo il proprio tragitto”.

InfoSmartCity, al momento disponibile solo per sistemi Android (“Stiamo per rilasciare le edizioni per iOS e Windows Phone”, specifica la responsabile tecnica di Macnil), ha permesso al Comune di Bari di ottenere il vincere il premio Smart Communities al recente Smau di Milano, nonostante l’app sia per molti aspetti ancora in divenire: mancano, al momento, le informazioni sul traffico nel centro cittadino, “perché raccogliamo meno dati dai mezzi pubblici in quell’area – spiega Costanza – e sotto una certa soglia preferiamo non fornire proiezioni poco attendibili o sicure”. inoltre, la sezione dedicata alle altre informazioni di supporto al cittadino – parcheggi, farmacie, orario autobus – è vuota o incompleta: “stiamo cercando di adattare l’applicazione alle fonti e ai formati che la Pubblica Amministrazione di Bari e le associazioni di categoria possono fornirci – specifica l’ingegnera – Sarebbe auspicabile che il Comune adotti strategie per allargare la disponibilità di dati in formato Open, ma sotto questo aspetto tutte le amministrazioni del Sud Italia pagano uno scotto culturale che necessita di tempo per essere superato”.

Su Google Play, il mercato digitale di Android, c’è chi critica la scelta di Macnil di definire l’app come “Unica in Europa a mostrare il traffico cittadino in tempo reale”. Nello specifico, si punta il dito sulle funzioni dedicate ad orari e fermate dell’Amtab, già sviluppate in Bari Smart sin dallo scorso febbraio, quando gli Open Data sul trasporto pubblico barese sembravano ancora un miraggio. “InfoSmartCity è la prima App che mostra tutti i dati sulla mobilità in maniera integrata – taglia corto Mariarita Costanza – A differenza di Bari Smart, che tratta solo il trasporto pubblico”. A questo proposito, l’ingegnera annuncia che presto “d’accordo con il Comune inseriremo la mappatura completa dei parcheggi, per fornire un’ulteriore informazione agli automobilisti”.

Condividi
Laureato in Scienze della comunicazione, vive una condizione mentale-lavorativa a suo dire schizofrenica: cerca con insistenza di unire in un’unica professionalità il suo amore per il web e la scrittura. Ama la Puglia e per questo, nonostante le difficoltà ha deciso di restare qui.

Nessun commento

Commenta l'articolo