IV commissione, approvato all’unanimità un disegno di legge a tutela dell’apicoltura

0

La IV commissione presieduta da Orazio Schiavone ha approvato all’unanimità il disegno di legge dell’assessore alle Risorse agroalimentari, Fabrizio Nardoni, per la tutela delle api in Puglia e la valorizzazione e lo sviluppo sostenibile dell’apicoltura.

Nel suo intervento Nardoni ha spiegato come il ddl si ponga l’obiettivo “di garantire, attraverso la regolamentazione del settore, una maggiore stabilità economica e una più incisiva sicurezza alimentare, e di costruire una rete di protezione per le api del territorio regionale”.

Il provvedimento mira a disciplinare la pratica dell’allevamento dell’insetto e della produzione dei relativi prodotti dell’apicoltura, rispettando i principi della sostenibilità ambientale, alimentare e sanitaria, rendendo i processi produttivi agricoli compatibili con la salvaguardia della specie. A tal proposito, si pone l’accento sull’uso dei prodotti fitosanitari sulle piante coltivate e spontanee durante il periodo della fioritura, disciplinandone l’utilizzo in prossimità di insediamenti apistici, così da rendere sostenibile le pratiche agricole e tutelare l’apicoltura.

Il ddl definisce il ruolo della Associazioni degli apicoltori a supporto delle aziende e degli imprenditori istituendo un apposito Albo regionale, e prevede l’istituzione dell’Osservatorio apistico regionale, un organo tecnico a supporto degli operatori del comparto nella definizione delle linee strategiche per lo sviluppo e la promozione del settore. Verrà costituita inoltre un’apposita anagrafe apistica funzionale a contrastare i furti e a migliorare il controllo sanitario. Previsto poi un piano di rimboschimento di zone ospitanti specie vegetali e arboree che rappresentano una risorsa nutrizionale delle api.

Per quanto riguarda la tutela dell’Apis mellifera (nome scientifico con il quale s’identifica la specie) il testo fa invece riferimento alle disposizioni degli articoli 544 bis e 544 ter del codice di procedura penale riguardanti l’uccisione e il maltrattamento di animali.

La Regione Puglia riconosce e promuove infine la pratica del nomadismo sia nell’ambito regionale che quello proveniente da altre regioni.

Condividi
Redazione
#raccontiamolapuglia. Quotidiano online indipendente di carattere generalista con un occhio particolare alle tante eccellenze della nostra regione.

Nessun commento

Commenta l'articolo