Personale dei Consorzi di Bonifica e dipendenti Natuzzi, due incontri a Bari con i rappresentanti della Regione

0

Prima dell’inizio del Consiglio regionale di oggi, due delegazioni di manifestanti degli operai della Natuzzi e di dipendenti dei Consorzi di Bonifica, sono state ricevute da esponenti del Governo regionale. I rappresentanti sindacali dei lavoratori dei Consorzi di Bonifica sono stati ricevuti dall’assessore all’Agricoltura Leo di Gioia. Ai lavoratori sono state date assicurazioni sull’iter legislativo della riforma dei Consorzi, con la convocazione dei sindacati prima della discussione in Aula, anche per affrontare le complesse questioni finanziarie sulla gestione. All’incontro ha partecipato anche il presidente del Consiglio, Mario Loizzo.

L’assessore allo Sviluppo Economico, Loredana Capone ha invece incontrato una delegazione di lavoratori del gruppo Natuzzi, aderenti al sindacato Usb. Si è deciso che ci sarà un impegno della task force regionale per l’occupazione a riaprire l’interlocuzione tra gruppo Natuzzi e Usb, al fine di incanalare tutte le vertenze aperte nell’ambito di corrette relazioni industriali.

I dipendenti della Natuzzi hanno avuto un incontro anche con alcuni dei consiglieri regionali del M5S. Al termine dell’incontro Antonella Laricchia, Marco Galante e Mario Conca hanno così commentato la loro situazione: “i lavoratori hanno il timore di non rientrare nel Piano di assunzione – dichiarano i tre Consiglieri pentastellati – proposto dall’azienda attraverso l’istituzione della famosa Newco che avrebbe il compito di assorbirli in toto. In particolare, fa discutere la totale assenza all’interno dell’Accordo di un esplicito riferimento al suddetto inglobamento totale degli ex lavoratori Natuzzi, nonché la presenza di una specifica clausola che andrebbe a limitare il diritto di questi lavoratori a potersi difendere in tribunale.” Il riferimento è alla clausola che prevede esplicitamente che la Newco assumerà quei lavoratori che “abbiano già definito il contenzioso con la Natuzzi S.p.A.”.

“E cosa accadrà a quei lavoratori con il contenzioso ancora pendente? – chiedono Galante, Laricchia e Conca – Dovranno rinunciarvi pur di essere assunti? Per questi motivi vigileremo su quanto verrà deciso al Tavolo tecnico istituito a cui parteciperanno le parti interessate, ossia Natuzzi, Newco, Organizzazioni Sindacali, il Mi.S.E., e le Regioni Puglia e Basilicata, affinché si agisca nel pieno rispetto di tutte le norme a tutela dei diritti dei lavoratori. Un Tavolo – concludono – in cui le decisioni prese graveranno necessariamente sulle casse delle Regioni interessate”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.