Lavoro di cittadinanza: Andria e Trani rispondono presente

0

Non restano indifferenti i comuni capoluogo della BAT all’appello sul lavoro di cittadinanza fatto da Cigl, Cisl e Uil lo scorso 4 settembre. La possibilità di mettere in atto dei cantieri di pubblica utilità, così come previsto dall’accordo quadro stipulato lo scorso 28 luglio fra Regione Puglia e sindacati, è stata accolta favorevolmente dai sindaci Nicola Giorgino, Andria, e Gigi Riserbato, Trani, che si sono adoperati subito per vagliare la fattibilità dell’intervento.

Il Sindaco di Andria, Nicola Giorgino, ha già incontrato nei giorni scorsi i rappresentanti delle organizzazioni sindacali territoriali e provinciali per poter ricollocare nella città di Andria, di concerto con la Regione Puglia, disoccupati ed inoccupati in lavori socialmente rilevanti.

“L’Amministrazione Comunale è pronta a dialogare subito con Regione Puglia ed imprese perché il piano straordinario per il lavoro possa realmente concretizzarsi senza rimanere un semplice spot.Crediamo che non si possa giocare con la disperazione della gente e che bisogna, senza demagogia, dare seguito agli annunci – dichiara Nicola Giorgino, sindaco di Andria – Riteniamo l’avvio del lavoro e dei cantieri di cittadinanza un’opportunità da cogliere, per offrire una valida risposta di contrasto alla perdurante crisi occupazionale che attanaglia soprattutto i disoccupati di lunga durata e le persone in condizioni di particolare fragilità sociale”.

Anche il sindaco di Trani, Gigi Riserbato, ha messo in agenda un incontro con le sigle sindacali, per il prossimo 15 settembre. “La mia amministrazione è impegnata quotidianamente nella ricerca di percorsi innovativi di inserimento lavorativo di soggetti svantaggiati – commenta il primo cittadino – ed è convinta che solo il lavoro sinergico fra soggetti pubblici, organizzazioni sindacali e privato economico possa rappresentare una levaimportante per restituire dignità sociale allepersone in difficoltà”.

Le possibilità offerte dal lavoro e dai cantieri di cittadinanza si intrecciano a Trani con altre misure già avviate dall’amministrazione locale, tra cui il bando per fronteggiare la morosità incolpevole di quanti hanno perso il lavoro, il piano emergenza famiglia – che contempla fondi per banco alimentare, spese mediche, affitti e supporto alla genitorialità – e il recente atto d’indirizzo per la stipula di borse lavoro.

Intanto, il sindaco di Barletta Pasquale Cascella incontrerà giovedì l’assessore regionale Leo Caroli per dar seguito all’annuncio dello scorso venerdì sull’interesse della città della disfida per le possibilità dell’accordo quadro fra Regione e sindacati.

Condividi
Laureato in Scienze della comunicazione, vive una condizione mentale-lavorativa a suo dire schizofrenica: cerca con insistenza di unire in un’unica professionalità il suo amore per il web e la scrittura. Ama la Puglia e per questo, nonostante le difficoltà ha deciso di restare qui.

Nessun commento

Commenta l'articolo