Lecce, paziente 90enne deceduto dopo la dimissione dal Pronto Soccorso: il primario dispone l’esame autoptico

0

Verrà risposta l’autopsia per verificare le cause dell’improvviso decesso di un anziano appena dimesso dal Pronto Soccorso dell’ospedale Vito Fazzi di Lecce. L’ha disposta il primario, Silvano Fracella, per chiarire le circostanze della morte del paziente 90enne dopo la dimissione.

Il paziente, a causa di una caduta accidentale, verso le 12,30 di ieri era stato condotto in Ospedale da un’ambulanza del 118. Secondo il referto medico, l’uomo presentava una ferita alla mano, subito suturata, e i sintomi di una contusione cranica, per la quale si è proceduto con una serie di esami diagnostici. Esami del sangue, elettrocardiogramma, emogasanalisi, poi una Tac al cranio, infine la consulenza neurochirurgica: tutti con esito negativo.m

I medici, attenendosi alle usuali procedure, hanno perciò deciso di dimettere il paziente raccomandando un periodo di osservazione di 24 ore.

Purtroppo – stando a quanto riferito dai familiari – dopo essere entrato in auto, il 90enne ha accusato un improvviso malore: inutile la corsa per riportarlo in Ospedale, dove è giunto già cadavere.

Il primario, dopo aver verificato la correttezza della procedura attuata dal personale in servizio, ha quindi deciso di procedere autonomamente con la richiesta di esame autoptico, di cui ora si attende l’esito.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.