A Lecce è di scena il cinema dipinto con gli occhi di Pasolini

0
Roberto Villa per Pasolini

L’universo di Pier Paolo Pasolini. Arte e bellezza da Giotto a Patti Smith, crea un vero excursus temporale che racconta con pochi, ma significativi esempi, l’influenza dell’arte medievale e moderna del genio creativo del regista italiano negli spazi del castello Carlo V di Lecce. Nel percorso espositivo sono presenti una selezione di film, fotogrammi accostati alle riproduzioni delle opere citate, libri di poesia e di narrativa, documentazioni video, audio e radio, oltre alle canzoni scritte da Pasolini e interpretate da Aisha Cerami. A questi preziosi documenti si aggiungono le testimonianze della carriera pittorica del grande letterato e regista, e una raffinata selezione di scatti realizzati da Roberto Villa del backstage del film Il fiore delle mille e una notte.

L’evento è organizzato in contemporanea con la parte monografica dedicata al Vangelo Secondo Matteo a Matera a Palazzo Lanfranchi, che chiuderà il 9 novembre. La mostra leccese invece, sarà visitabile fino al 2 novembre. Promossa dal Raggruppamento Temporaneo di Imprese: Theutra, Oasimed e Novamusa con il patrocinio del Comune di Lecce, l’evento è a cura di Gianni Canova, Silvia Borsari e Paola Rampini e ideata da Ventundodici Srl, e s’inserisce nell’ampia offerta culturale della programmazione per la candidatura di Lecce a “Capitale Europea della Cultura 2019”.

 

Condividi
Isabella Battista
Classe 1985, vive e lavora a Bari. Laureata in Storia dell’Arte all’Università degli Studi di Bari, è giornalista pubblicista dal 2013. Con una forte propensione alla didattica museale e artistica, ha collaborato con diverse istituzioni con progetti per sensibilizzare il pubblico più giovane nei confronti dell’Arte contemporanea e far partecipare attivamente gli studenti alla comprensione delle più moderne tecniche artistiche. Collabora con le redazioni di Puglia In, Telebari e Artribune, mentre nel 2013 è stata coordinatrice della prima edizione della Project Room della Fondazione Museo Pino Pascali di Polignano a mare. Ama l’arte in tutte le sue forme, in particolare la fotografia e il linguaggio visivo contemporaneo a cui si sta appassionando anche praticamente e appena ha l’occasione di partire, va alla ricerca di nuove realtà, esplorandole sia dal punto di vista della tradizione culturale che folkloristica. isabella.batt@gmail.com

Nessun commento

Commenta l'articolo