Legge elettorale. Le colpe sono solo dell’opposizione?

0

Il tempo passa, e le preoccupazioni di non fare in tempo aumentano. Incrociando i dati con una campagna elettorale per le primarie del centrosinistra che è stata a dir poco fratricida, e che ha messo tutti contro tutti, non poteva mancare una malcelata stoccata al Partito Democratico nelle dichiarazioni dei presidenti del gruppi di Sel e PpV in Regione, Losappio e Disabato. Che poi incalzano sulle responsabilità dei tempi biblici per approvare la legge elettorale, come se loro non fossero pienamente co-rresponsabili. Chiaramente la colpa è solo di Forza Italia e delle opposizioni. Nessuna colpa della maggioranza che non è stata capace, da un anno a questa parte, non solo di approvare la legge, ma nemmeno di predisporre un testo unitario. Misteri della politica.

“Il fallimento della VII Commissione – dicono Losappio e Disabato – lascia la Puglia senza una legge elettorale e di fronte ad un grande pasticcio. Basti ricordare (ma è solo uno dei punti critici) che la legge attualmente in vigore, già osservata dalla Corte Costituzionale in relazione al premio di maggioranza, prevede l’elezione di 70 consiglieri mentre il nuovo Statuto li ha ridotti a 50”.

“Se 3 mesi di riunioni di Commissione non hanno prodotto nulla di definitivo la ragione è nell’ostruzionismo dilatorio di Forza Italia che con le più diverse motivazioni ha svuotato la Commissione in attesa di un “inciucio” che qualcuno ha promesso”.

“Del resto la destra non sarebbe riuscita a paralizzare la Commissione senza il benevolo lasciar fare di una parte del centrosinistra. Si vedrà ora chi, quando e con quale testo si farà carico di andare nell’Aula per giocarsi in una sola mano e nell’opacità del voto segreto e dei sub emendamenti last minute il futuro della democrazia in Puglia a ormai pochi mesi dal voto”.

“Per intanto aver sottratto alla trasparenza del lavoro di commissioni ed alla responsabilità che ogni Gruppo deve assumere davanti alla opinione pubblica il confronto sul testo base consente a Forza Italia di ignorare le attese e le richieste del Movimento delle Donne con uno sberleffo che dovrebbe indignare tutto il centrosinistra; cosa che purtroppo non avviene”.

Condividi
Roberto Mastrangelo
Coordinatore Redazionale del progetto PugliaIn.net. Socio fondatore dell'Associazione Scritture Digitali, in passato giornalista per il Movimento, Roma, il Patto, il Resto, l'Indipendente, Puglia d'Oggi, Cerca la domanda scomoda da fare nel momento peggiore.

Nessun commento

Commenta l'articolo