Londra e Parigi sono più vicine. Voli giornalieri di Ryanair in Puglia

0

Rayanair si appresta a festeggiare i dieci anni e 14 milioni di passegeri  in transito negli aeroporti di Bari e Brindisi, dal 2004 ad oggi, regalando alla Puglia collegamenti quotidiani da Bari a Londra (Stansted) e Parigi (Beauvais), incrementi sulle rotte già esistenti per Bruxelles (Charleroi), Eindhoven e Düsseldorf (Weeze), sia dal capoluogo che da Brindisi. Non mancherà, infine, l’offerta a tempo per celebrare il compleanno: dal primo settembre sul sito internet di Ryanair ci saranno voli a partire da 19,99 euro, da utilizzare fino a dicembre. “La Puglia è un territorio estremamente importante per Ryanair – ha dichiarato John Alborante, sales & marketing manager per l’Italia, ieri a Bari – e l’impegno per il traffico, il turismo e l’economia pugliesi sono testimoniati dalla programmazione invernale che partirà da fine ottobre, con ben 16 rotte servite da Bari e 9 da Brindisi”. Sarà quindi un autunno foriero di voli da e per la Puglia. La compagnia iralndese, per la verità, aveva già fatto felici i suoi abituali passeggeri  nei mesi scorsi per aver effettuato una vera e propria rivoluzione con l’assegnazione del posto a bordo e la possibilità di portare con sé una seconda borsa, oltre al bagaglio a mano. Poi è arrivata la app, che consente di controllare i voli, di presentarsi al gate con una carta di imbarco elettronica, mostrata direttamente sul display del telefonino. Ora con queste nuove rotte e l’incremento dei voli sulle rotte già attive c’è da immaginare che l’accordo con la Regione Puglia, in scadenza proprio in autunno verrà certamente rinnovato.

Condividi
Fabio Paparella
Giornalista publicista dal 2008. Ha scritto per Cuore Impavido (periodico universitario), Puglia d'oggi e Puglia in che dirige dal 2009. Appassionato di Puglia e innamorato di Bari, dove vive e lavora come funzionario Anci Puglia. Fondatore dell'associazione Scritture digitali. Cerca qualcuno disposto a cambiare insieme lo stato delle cose...

Nessun commento

Commenta l'articolo