Malattie degenerative e Alzheimer, prosegue il dibattito a Molfetta

0

Prosegue anche domani, a Molfetta, il corso di aggiornamento sulle Malattie neurodegenerative,  organizzato dall’associazione Alzheimer Molfetta nell’ambito delle attività della rete Città Sane del Comune.

L’evento realizzato in occasione della XXI giornata mondiale dell’Alzheimer, si terrà sino al 20 settembre a Molfetta (Fabbrica di San Domenico).

La giornata, si articolerà in due sessioni tematiche, la mattina, (dalle ore 9.30) sarà dedicata all’approccio integrato alle malattie neurodegenerative. Interverranno: Francesco Bux, Stanislao Caputo, Antonella Marzella, Emanuela Tatulli  Tecla Mastronuzzi, Stefania Gianmarino, Gabriella De Candia.

La sessione pomeridiana moderata da Stanislao Caputo e Mauro Minervini sarà dedicata alla riabilitazione. Dalle ore 15 interverranno: Loredana Amoruso, Anna Maggiolino, Alessia Massari, Maria Antonietta Rutigliani, Francesca Minervini, Mariangela Tatulli.  La seconda giornata si concluderà con lo show di danza latino americana dell’Asd “Vivo Latino”.

Numerosi, saranno i medici e gli esperti che interverranno nella tre giorni con l’obiettivo di : individuare le più efficaci strategie terapeutiche e riabilitative; tracciare le basi per una possibile prevenzione, attivando percorsi condivisi che, attraverso un lavoro di rete, consentano un costante confronto fra realtà istituzionali e realtà associative, nell’esclusivo interesse del paziente e dei suoi familiari; valutare gli attuali percorsi diagnostico-terapeutici e riabilitativo-assistenziali in rapporto alle esigenze dei pazienti e delle loro famiglie, per alleviarne il disagio ed il peso assistenziale, che, attualmente, grava quasi esclusivamente sulle famiglie ed illustrare nuove soluzioni integrate con le attuali conoscenze in campo tecnologico e architettonico-strutturale, volte a
favorire la qualità di vita sia dei pazienti che dei loro caregiver.

Condividi
Redazione
#raccontiamolapuglia. Quotidiano online indipendente di carattere generalista con un occhio particolare alle tante eccellenze della nostra regione.

Nessun commento

Commenta l'articolo