Mazzarano a giudizio, processo a dicembre

0

Il gup di Bari ha rinviato a giudizio il consigliere regionale pugliese del Pd Michele Mazzarano e l’imprenditore Gianpaolo Tarantini, accusati di illecito finanziamento ai partiti. Il processo comincerà il prossimo 9 dicembre. I pm Angelillis e Pontassuglia, titolari dell’inchiesta, contestano una presunta consegna della somma di 10mila euro che sarebbe stata effettuata da Tarantini a Mazzarano per la chiusura della campagna elettorale per le Politiche del 2008, con un concerto a Massafra.

Mazzarano è stato rinviato a giudizio anche per un episodio di millantato credito (il processo inizierà il 10 dicembre), mentre per un altro millantato credito, il gup si è dichiarato incompetente e ha disposto l’invio degli atti riguardati il politico alla procura di Taranto.

”Dopo due anni di indagini e altrettanti di udienza preliminare, oggi ho appreso che finalmente un giudice di merito, spero quanto prima, potrà raccogliere la prove che confermeranno la mia correttezza e la mia totale innocenza”. Questo è stato il commento di Michele Mazzarano. ”Sono stati – spiega – 5 anni di via crucis. Quando la giustizia agisce così, rovina la vita delle persone oneste”.

Ha commentato anche il capogruppo di Mazzarano in Consiglio Regionale. Per Pino Romano, Presidente del Gruppo consiliare del Pd nell’assise di Via capruzzi, “adesso Michele Mazzarano potrà dimostrare la sua totale estraneità rispetto ai fatti che gli sono contestati. Lo sappiamo tutti, e lo ha ribadito ieri il presidente Renzi, che i tempi della giustizia sono troppo lunghi. E, come nel caso di Michele, impediscono a un cittadino di dimostrare agevolmente la propria innocenza. Però, è bene precisarlo, la giustizia non ha neanche ancora condannato Mazzarano”.

“Pertanto, fino a quando non saremo in presenza di una sentenza definitiva, evitiamo la polemica colpevolista di chi specula su queste vicende. Michele, ne sono certo, potrà presto riconquistare la serenità necessaria a continuare la sua attività politica, con le ottime doti di amministratore che gli sono riconosciute da tutti, istituzioni e cittadini. A Michele vanno solidarietà e fiducia”.

Condividi
Redazione
#raccontiamolapuglia. Quotidiano online indipendente di carattere generalista con un occhio particolare alle tante eccellenze della nostra regione.

Nessun commento

Commenta l'articolo