Microsoft conferma: porte (semi) chiuse al Mobile

0

Ne avevamo parlato già nello scorso agosto, e non siamo stati smentiti, anzi. Nonostante il pensiero e l’opinione di qualcuno che valuta le informazioni “di parte” soltanto perchè non rientrano nel canone dell’ideale che si sono fatti di un’azienda.

I dati negativi relativi alle entrate del settore mobile che come riportato avevano fatto segnalare un -71% rispetto all’anno scorso, e che avevano trascinato l’intero settore mobile al -35%, nonostante il +9% dei Surface, hanno portato il colosso di Redmond a rivalutare pesantemente la sua strategia legata a questo settore ancora oggi dominato dai dispositivi Android e iOS, portandolo alla definitiva conferma di ciò che avevamo preannunciato. Microsoft avrebbe deciso, “per il momento“, di abbandonare il settore degli smartphone destinati al mercato consumer, puntando comunque su Windows 10 Mobile e il settore enterprise.

La decisione arriva attraverso durante un’intervista rilasciata a Le Point da Vahé Torossian, il responsabile di Microsoft Francia:

“La nostra strategia per Windows Phone è di concentrarsi sui clienti enterprise, siamo fuori dal mercato di massa. Il costo del biglietto di entrata nel mercato di massa è troppo alto ora, e stiamo scommettendo in un balzo generazionale della tecnologia entro qualche anno con un cambio di paradigma. In questo periodo di transizione non resteremo nel mercato degli smartphone consumer.”

Da ciò si evince che Microsoft ritenga impossibile puntare oggi a scalare un mercato dominato da Android e iOS, e per questo la società avrebbe deciso di ripiegare continuando a sviluppare esclusivamente hardware destinato alle aziende, a supportare Windows 10 Mobile (come dimostra il continuo rilascio di nuove Build Preview sul Windows Insider Program), e i dispositivi Lumia già disponibili sul mercato consumer.

Per chi segue nel dettaglio la vicenda degli smartphone Windows non si tratta certo di una vera novità, Satya Nadella, aveva già affermato questo concetto negli scorsi mesi con chiarezza inequivocabile.

Tuttavia come ha ribadito più volte da Terry Myerson durante la conferenza Ignite 2016, rimangono in gioco i vari produttori di terze parti, come HP, con cui Microsoft continua a collaborare. Quindi l”addio” al settore consumer, ma non alla piattaforma operativa.

A confermare quanto detto qualche settimana fa è arrivata la notizia del rilascio di un nuovo telefono inizialmente solo per il mercato indiano.

A sorpresa il Device porterà il brand Nokia. La notizia arriva a pochi mesi dalla cessione della divisione a FIH Mobile, una sussidiaria di Foxconn, per 350 milioni di dollari, ed ovviamente non si tratta di uno smartphone, in quanto l’obiettivo è realizzare un device semplice da utilizzare, grazie alla presenza di una tastiera fisica. Telaio e scocca sono ovviamente in plastica, per garantirne una maggiore resistenza agli urti e alle cadute, uno schermo da 2,4 pollici con risoluzione QVGA (320×240 pixel) e integra 16 MB di RAM, affiancati da una memoria flash con capacità sufficiente a memorizzare circa 2.000 contatti. E’ comunque presente uno slot microSD che supporta card fino a 32 GB.

Nokia 216, questo il nome del nuovo device, sarà in vendita in India ad un costo pari a circa 33€.

Concludendo, possiamo dire che Microsoft esce dal mercato Consumer, puntando sul settore business per cui l’ormai leggendario “Surface Phone” è chiaro che si tratterà di un dispositivo indirizzato alle aziende. C’è da domandarsi tuttavia: in un momento in cui i trend di mercato vengono dettati dal mercato consumer, quante sono le probabilità che Microsoft “esca dalla porta e rientri dalla finestra”?

Commenta l'articolo

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.