Mola di Bari, i Rosa Croce tolgono il velo

0

L’A.M.O.R.C., ossia l’Antico e Mistico Ordine della Rosa-Croce, movimento filosofico e tradizionale mondiale, senza scopi di lucro, non religioso, apolitico e aperto a tutti, terrà una conferenza pubblica questo pomeriggio a Mola di Bari (BA) presso Palazzo Pesce, via van Westerhout, 24 alle ore 18:30, dove verrà presentato il libro “I Rosa Croce tolgono il velo” (Intento Edizioni).

La conferenza, aperta a tutti, prevede la presenza del Gran Maestro dell’Ordine della Rosa Croce A.M.O.R.C., Claudio Mazzucco, ingegnere chimico e lavora come responsabile di un settore di Ricerca e Sviluppo di un importante azienda italiana.

Lo scopo è far conoscere una storia e un pensiero poco conosciuti dal grande pubblico.

L’Antico e Mistico Ordine della Rosa-Croce, conosciuto nel mondo con la sigla A.M.O.R.C., ha come simbolo una croce dorata con una  rosa rossa al centro, ma non ha nulla a che fare con la religione e con il simbolo cristiano per eccellenza. La CROCE rappresenta il  corpo fisico dell’uomo e la ROSA simbolizza la sua  anima in evoluzione.

1614- 2014 sono passati 400 anni da quando l’ordine mistico dei Rosa Croce stupì il mondo con i “misteriosi” manifesti che apparsero a Kassel in Germania e poi a Parigi. Ora con la presentazione di un libro ““i Rosa Croce tolgono il velo””, l’antico ordine si apre all’incontro con le persone interessate.

L’appello dei rosacrociani è rivolto a tutti quelli che puntano alla  riconciliazione con se stessi, con la natura e con il Divino. Nei loro ultimi  documenti si fa anche riferimento ad un nuovo umanesimo ed all’ecologia. L’ordine ha  una grande attenzione al tema della conoscenza insomma della gnosi. I rosacrociani si riconoscono come A.M.O.R.C. (Antico Mistico Ordine della Rosa e della Croce), organizzazione  filosofica iniziatica. Indicativa una frase di Einstein da loro riportata: “il caso è il sentiero con cui Dio si serve quando vuole restare anonimo”.

Condividi
Redazione
#raccontiamolapuglia. Quotidiano online indipendente di carattere generalista con un occhio particolare alle tante eccellenze della nostra regione.

Nessun commento

Commenta l'articolo