Natuzzi, c’è l’accordo per evitare i licenziamenti

0

Adesso è ufficiale, perché l’accordo è transitato dalla Regione Puglia: Natuzzi rinuncia al licenziamento dei 168 lavoratori, così come preannunciato ad inizio dicembre dopo l’incontro al Mise, rilanciando nel contempo l’insediamento di Ginosa, che dunque riaprirà i battenti a gennaio per produrre divani.

E’ questo il senso dell’accordo che l’azienda ha sottoscritto ieri pomeriggio con i sindacati Feneal Uil, Filca Cisl e Fillea Cgil al termine del tavolo “guidato” dal responsabile della Task force regionale per il lavoro, Leo Caroli.

Un accordo che è stato giudicato “molto positivo” dalle sigle sindacali, che hanno in particolare apprezzato il fatto che i 168 lavoratori saranno reintegrati, sia pure con il contratto di solidarietà, e che anche i 34 lavoratori della New Confort fanno parte dell’accordo. Per tutti è previsto un periodo di formazione e successivamente il ritorno in azienda.

“E’ un bel segnale e non soltanto perché arriva qualche ora prima del Natale – dichiara il segretario regionale della Feneal Uil Puglia, Salvatore Bevilacqua – . E’ un bel segnale perché l’azienda rinuncia al contenzioso giudiziario nelle aule del tribunale e contemporaneamente al braccio di ferro con i sindacati. La riapertura dello stabilimento di Ginosa è a suo modo un fatto epocale perché riapre una questione che sembrava chiusa. Così, invece, si torna a puntare sul comparto del mobile imbottito italiano ed in particolare pugliese. Adesso bisogna lavorare per far sì che aumentino le commesse e che di conseguenza i lavoratori possano uscire dal contratto di solidarietà per tornare alle loro otto ore ordinarie”.

Commenta l'articolo

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.