Nomine Asl, tra auguri e rimostranze

0

Completato ieri, dalla giunta regionale pugliese, il quadro delle nomine dei direttori generali delle Asl. Nominato a Brindisi Giuseppe Pasqualone, amministratore unico della Sanità service della provincia Barletta – Andria – Trani, a Lecce Giovanni Gorgoni, origini salentine e attualmente direttore generale della Asl Bat, a Taranto Stefano Rossi, attualmente direttore amministrativo dell’Asl di Brindisi, Ottavio Narracci, al momento direttore sanitario a Lecce, sarà invece il nuovo manager dell’Asl Bat, a Bari ci sarà Vito Montanaro, attuale direttore amministrativo sempre nell’azienda sanitaria del capoluogo. Resta ancora vacante la casella degli Ospedali riuniti di Foggia e non ancora scaduti gli incarichi di vertice per il Policlinico di Bari e per l’Asl di Foggia.

Auguri per l’incarico ricevuto arrivano dal consigliere regionale Franco Pastore – Gruppo misto/PSI – il quale ha dichiarato per quanto riguarda la Bat: “Guidare un’azienda sanitaria è un compito complesso e delicato. Si deve essere capaci di conciliare esigenze di natura economico – amministrativa con la domanda di salute dei cittadini. Negli ultimi anni le ristrettezza finanziarie hanno messo a dura prova il nostro territorio e la nostra sanità, la cui tenuta è in gran parte dovuta all’operosità delle donne e degli uomini che quotidianamente non si risparmiano nel lavoro che svolgono. A loro e al nuovo direttore generale Ottavio Narracci, che li guiderà, auguro buon lavoro. Comincia un nuovo percorso che mi auguro si profili all’insegna del coinvolgimento e dialogo con il territorio, un percorso di reciproca conoscenza utile a individuare e compiere le scelte migliori”.

Commenti aspri con riferimento alle passate tristi vicende del settore sanitario pugliese da parte del vicecapogruppo vicario di Forza Italia, Erio Congedo: “Tanto tuonò che piovve: finalmente, dopo una travagliata gestazione il centrosinistra regionale è riuscito a partorire i direttori generali delle Asl. Scorrendo i nomi dei manager si evince che si tratta di professionisti che già orbitavano nelle dirigenze delle Asl. Ergo, nulla di nuovo sotto il sole. Il che è di fatto una auto-dichiarazione che i limiti conclamati della nostra sanità non dipendono, come si è voluto fare credere, dal management su cui sono state attribuite le responsabilità dei disservizi ma da colpe della maggioranza di centro-sinistra, incapace di governare il sistema e di mettere in campo una programmazione sanitaria degna di questo nome: ospedali chiusi senza garantire servizi territoriali alternativi, lacune dei livelli essenziali di assistenza, mancato funzionamento di mezzi e strumentazioni, disfunzioni dei servizi ospedalieri, liste d’attesa infinite, sprechi e mancanza di controllo della spesa, balzelli a carico dei cittadini per ricette farmaceutiche e visite specialistiche, e chi più ne ha più ne metta. In altri termini se la sanità è al collasso, la questione non è addebitabile ai manager. Ai nuovi direttori generali vanno i nostri auguri di buon lavoro con l’auspicio che il futuro governo regionale sappia offrire una programmazione seria alle Asl, tracciando un nuovo futuro per le sorti del servizio sanitario pugliese”.

Nessun commento

Commenta l'articolo