Orvieto Fotografia, si chiude la 15a edizione del festival del Fiof di Barletta

0

Voti alti e un elevato grado di soddisfazione per la quindicesima edizione del Festival Internazionale della Fotografia, Video e Comunicazione Visiva, ospitato dalla città di Orvieto (Terni) dal 9 all’11 marzo scorsi e organizzato dal FIOF (Fondo Internazionale per la Fotografia con sede a Barletta). Tre giorni di eventi tra seminari, workshop, lecture, photowalk a stretto contatto con i grandi fotografi mondiali e le brillanti figure emergenti nel panorama della fotografia, dal settore wedding alla foto architettura, dal mondo del reportage alla ritrattistica, fino alle più emozionanti storie umane raccontate con splendidi scatti. Il tutto al suono univoco de “La bellezza salverà il mondo”, claim mutuato da Dostojevski e adottato per l’edizione 2018.

Tra i tanti nomi di rilievo che hanno accettato l’invito del FIOF ci sono Abbas Attar e Renèe Jacobs, grandi protagonisti della fotografia mondiale. Abbas ha incantato la platea con alcuni dei suoi scatti più emozionanti e coinvolgenti fatti a partire dagli anni ’70 in Iran, Biafra, Bangladesh, Vietnam, Cile, Cuba e Medio Oriente. Abbas ha raccontato tutto questo nei suoi scatti alla ricerca della verità, immortalando il dolore, la sofferenza, le battaglie e la forza dei popoli in tutto il mondo. Un consiglio alle nuove generazioni di reporter? Lui, con tutta semplicità ha risposto: “Comprate un buon paio di scarpe e innamoratevi”. Renèe Jacobs invece ha portato avanti con maestria e amore il suo concetto di nudo artistico femminile. Una sfida quotidiana alla ricerca della forza delle donne e un’interpretazione della figura della donna come unica e irripetibile.

Sul palco anche gli oltre 200 reportage (di viaggio, cultura e sociale) pubblicati in 40 anni di carriera dal pavese Graziano Perotti, realizzati per mezzo mondo e in grado di ottenere 25 copertine su importanti magazine.

L’arte intesa come attento sguardo al corpo: concetto condiviso anche dall’orvietano Cristiano Castaldi che già conta nel suo archivio immortalate le performance dei grandi nomi della danza. Per passare a Mattia Zoppellaro e il suo Irish travellers, Luca Anzalone e la sua giovanissima quanto innovativa idea di fashion photography, fino ad Alex Coghe e la sua fotografia sociale dall’Italia fino al Messico.

A Orvieto la fotografia ha anche esplorato altre dimensioni: dal fotogiornalismo, rappresentato da Maurizio Garofalo, al marketing con Mauro Lupi e all’architettura con Alessio Forlano, alla ricerca interiore con Marta Viola. Emozionante l’incontro con il fotogafo abruzzese Roberto Colacioppo, che ha toccato e indagato un tema delicato quanto stringente come il mondo della disabilità con i ragazzi del’associazione “Acchiappasogni” e il suo racconto “Io, uno di voi”.

Momento apicale della manifestazione è stata la serata dedicata al Fiof italy international photography awards (FIIPA) 2018. La serata di sabato 10 marzo, aperta dalla performance di danza “World to Come” a cura della Grace Dance Studio di San Benedetto del Tronto, ha celebrato i vincitori del prestigioso concorso aperto a professionisti e amatori di ogni nazionalità.

Vincitore assoluto dell’edizione 2018 è stato Antonio Gibotta: 29 anni, già secondo al World press photo 2017 nella categoria People con “Enfarinat”, lavoro dedicato alla cosiddetta “Battaglia degli infarinati” che va in scena ogni 28 dicembre a Ibi, il giovane reporter originario di Avellino ha portato a casa l’ambizioso riconoscimento nella categoria Professionisti, sezione Gold. Insieme a loro si è unita la delegazione del Festival internazionale di fotografia di Lishui, uno degli appuntamenti di settore più importanti della Cina.

Nella sezione Gold sono stati complessivamente 10 i vincitori, incluso Gibotta (categoria Story). Alessandro Colle nella sezione Advertising; Alessio Forlano nell’Architettura; Angela Potenza nella categoria Concept; Carlo Felipe Ortiz nel Matrimonio; Massimo Santi per il Paesaggio; Elisa Liguori nel Nudo; Alessandro Cinque per le persone; Giuliano Koren nel Ritratto; Frederic Gras nello Sport.

L’appuntamento ha rappresentato anche l’occasione per consegnare le qualifiche QIP e premiare gli appassionati legati agli Awards, corsa nella quale il vincitore assoluto è stato Matteo Dunchi.

Condividi
#raccontiamolapuglia. Quotidiano online indipendente di carattere generalista con un occhio particolare alle tante eccellenze della nostra regione.

Nessun commento

Rispondi