Pallamano donne: Amatori Indeco Conversano, la Supercoppa è tua

0

La rivincita era nell’aria. Dopo la sconfitta nella finale scudetto dello scorso mese di maggio, l’Amatori Conversano sfodera una prestazione più che buona, vendicandosi al tempo stesso del Salerno ed aggiudicandosi il primo titolo della sua storia sportiva.

L’Amatori Handball Conversano trionfa nella sfida di Supercoppa contro il Salerno e conquista un trofeo memorabile, il primo nella storia della pallamano femminile conversanese. Nel giorno dell’esordio sulle maglie delle vice campionesse d’Italia dello sponsor Indeco, le ragazze del presidente Roscino sfoderano la gara perfetta, superando senza troppa sofferenza il Salerno e dimenticando in poco meno di due ore la sconfitta della finale scudetto dello scorso maggio.

In avvio Suada Sejmenovic sorprende un po’ tutti gettando nella mischia la giovanissima Giada Babbo e lasciando in panca capitan Chiarappa. Una scelta che si rivela azzeccata. Dopo una prima fase di studio, è proprio sull’asse Ceklic-Babbo che l’Amatori costruisce le sue fortune. Nei primi dieci minuti sono appena quattro le reti, due per parte con Giusy Ganga e la stessa Ceklic che tengono in vita le rossoblu, insieme ad una Martina Giona come da tradizione strepitosa. Nella seconda parte di frazione, poi, le rossoblu si scatenano: la Ćeklić porta a cinque il suo bottino personale prima del minuto 20, mentre Giada Babbo capitalizza al massimo l’occasione concessagli dalla sua allenatrice timbrando il cartellino ben quattro volte. In mezzo tanta Amatori, a segno anche con Madella, due volte, Barani, due volte anche lei, e ancora Ganga e Ceklic, e poco, pochissimo Salerno, forse sorpreso dall’atteggiamento cinico e spietato delle baresi. All’intervallo così il tabellone luminoso del Pala Giovanni Paolo II di Pescara segna 15-8 per Conversano, un Conversano che già inizia a pregustare la festa.

Nella ripresa pronti via e ancora Ljubica Ceklic realizza su rigore il gol numero 16 per le pugliesi, prima della timida risposta campana, della terza segnatura personale di Ganga e dell’ennesimo gol di Giada Babbo. La gara di fatto sembra in discesa per Rotondo e compagne, e la vera notizia del secondo tempo è il primo contropiede sbagliato dalla Babbo al minuto numero 38. Ma per la banda di Suada Sejmenovic è un errore che ha una rilevanza nulla sull’economia della partita, nonostante il Salerno a metà frazione provi a rifarsi sotto. Dalle parti della porta conversanese, tuttavia, c’è una Martina Giona versione “paratutto” con la Supercoppa che inizia definitivamente a prendere direzione “Bari” e le ragazze di Nasta che devono accontentarsi delle briciole finale. Termina 25-21 per l’Amatori Handball Conversano e con l’apoteosi di un gruppo che ha inseguito e meritato a lungo questo trionfo.

Jomi Salerno-Amatori Handball Conversano 21-25

Jomi Salerno: Iacovello, Lambiase, Trombetta 1, Avram 7, Beba, Coppola, Garratana, Lamberti 1, Napoletano 5, Ferrentino, Pavlyk 5, Lauretti 1, Casale 1, De Santis. All. Nasta

Amatori Handball Conversano: Babbo 5, Caccioppoli, Barani 2, Chiarappa, Ganga 3, Giona, Lapresentazione, Lopriore, Madella 2, Piccinno, Piffer, Rotondo 1, Aftodor, Ceklic 12. All. Sejmenovic.

Arbitri: Iaconello-Iaconello

Condividi
Redazione
#raccontiamolapuglia. Quotidiano online indipendente di carattere generalista con un occhio particolare alle tante eccellenze della nostra regione.

Nessun commento

Commenta l'articolo