Parco di Rauccio, un picnic domenicale all’insegna dell’inclusione sociale

0
Domenica 14 maggio alle ore 10.00 presso il Parco Naturale di Rauccio a Lecce, si svolgerà una manifestazione all’insegna dell’inclusione sociale, a cura de L’Integrazione Onlus con il patrocinio del Comune di LecceAssessorato alle Politiche Ambientali, del Comune di Surbo e della Regione Puglia.
La manifestazione permetterà di vivere la disabilità da un punto di vista differente, in un clima generale di svago e condivisione. La giornata sarà allietata da intrattenimento musicale, giochi, escursioni e dall’intervento dei bambini delle classi 5^ della scuola Vincenzo Ampolo di Surbo (LE) a conclusione del progetto Insieme Tutto Si Può Fare!, iniziativa curata dalla psicologa Dott.ssa Simona Campanella e della responsabile de L’IntegrazioneVeronica Calamo.
L’Obiettivo fondamentale dell’evento è quello di integrare la persona disabile all’interno del tessuto sociale della comunità, favorendone la partecipazione e l’inclusione. Grazie anche alla presenza delle famiglie si coglierà l’occasione per condividere le proprie esperienze e riflettere sulla disabilità.
Collaborano all’evento: CambiAmoRe, associazione culturale, Il Girotondo della Mente, studio specialistico di psicologia, Circolo Didattico Vincenzo AmpoloComitato I Bambini di Francesco Cosma, Terra NosciaCantina La Vecchia Torre.
 Programma della giornata:
•H 10.00 Raduno e accoglienza presso Parco di Rauccio
•H 10.30 Escursione guidata nel parco
•H 11.30 Flashmob dei bambini delle classi 5^ della scuola Vincenzo Ampolo di Surbo
•H 12.00 Concerto di musica popolare salentina con I Suonatori di Ostuni
•Dalle 12.00 alle 14.00 pic nic autogestito con pranzo a sacco
•H 14.30 giochi e intrattenimento musicale a cura di Sergio Perrone e dei ragazzi dell’associazione CambiAmoRe
•H 17.00 Saluto delle autorità
Condividi
Redazione
#raccontiamolapuglia. Quotidiano online indipendente di carattere generalista con un occhio particolare alle tante eccellenze della nostra regione.

Nessun commento

Commenta l'articolo