Partita “mista” Fc Bari – Pink Bari: la garante Paparella rilancia l’iniziativa

0

L?idea lanciata da pugliain.net, un incontro di calcio a ranghi misti fra la Fc Bari e la Pink come forte segnale  da lanciare contro le discriminazioni di genere, continua a raccogliere appoggi e consensi. “Il calcio è uno sport che discrimina talento e passione delle ragazze – commenta Rosy Paparella, garante dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza – Per cui, una partita mista contribuirebbe a smontare ogni forma di pregiudizio secondo cui il calcio, o in generale qualsiasi cosa ritenuta ad appannaggio esclusivamente maschile, non possa essere una cosa da donne”.

Molte calciatrici possono raccontare una storia fatta di “veti culturali” e sguardi contrariati. “Ho conosciuto personalmente le calciatrici della Pink – prosegue Paparella – e ritengo che loro possano essere testimoni di una situazione di emblematica disparità, a cui però hanno saputo far fronte con tenacia e passione. Da questo punto di vista- aggiunge –  Bari dovrebbe essere orgogliosa di loro. Sono delle campionesse strepitose”.

Sullo sfondo di ogni discriminazione c’è sempre uno squilibrio di potere all’interno del nucleo familiare, “che coinvolge in egual misura donne e bambini. Eppure – continua la Garante – questi fenomeni continuano per la maggior parte a restare invisibili”.

Opere di sensibilizzazione ed informazione, infatti, non hanno acuito la gravita del problema, accentuato dalle carenze strutturali di risorse. “Purtroppo, spesso le donne vittime di violenza sono restie nel chiedere aiuto agli operatori o addirittura a porgere denuncia verso chi, nonostante tutto, è comunque il loro marito”. Anche per questo, sarebbe utile unire “l’utile al dilettevole”: “se con un biglietto simbolico per la partita si potessero raccogliere dei fondi da destinare ai centri antiviolenza, sarebbe una gran cosa”, conclude Rosy Paparella.

Condividi
Laureato in Scienze della comunicazione, vive una condizione mentale-lavorativa a suo dire schizofrenica: cerca con insistenza di unire in un’unica professionalità il suo amore per il web e la scrittura. Ama la Puglia e per questo, nonostante le difficoltà ha deciso di restare qui.

Nessun commento

Commenta l'articolo