Pescara – Bari per la 35esima giornata di serie B. Il Bari deve tornare a vincere per rimanere agganciato alla zona play off, i padroni di casa hanno l’imperativo di fare di tutto per allontanarsi dai play out, zona che dista solo un punto al momento. A Grosso servono dunque punti pesanti nella sua Pescara dove però non sarà ben accolto. Ieri offese e minacce sono state scritte con la vernice sui muri di fronte casa dei genitori del tecnico biancorosso a Spoltore. Un gesto ignobile di natura intimidatoria.

 

 

IL TABELLINO

RETI: Nenè (B) al 22′ p.t.; Anderson (B) al 31′ p.t.; Mancuso (P) al 2′ s.t.

PESCARA (4-3-3): Fiorillo; Fiamozzi, Coda (Campagnaro dal 34′ p.t.), Fornasier, Crescenzi; Coulibaly (Machin dal 6′ s.t.), Brugman, Valzania; Mancuso (Falco dal 22′ s.t.), Pettinari, Capone.

A disp: Baiocco, Balzano, Campagnaro, Mazzotta, Perrotta, Carraro, Machin, Baez, Bunino, Cocco, Falco, Yamga. All: Giuseppe Pillon.

BARI (4-3-3): Micai; Anderson, Marrone, Gyömbér, Balkovec; Iocolano (Tello dal 26′ s.t.), Basha (Petriccione dal 36′ s.t.), Henderson (Busellato dal 17′ s.t.); Galano, Nenè, Cissé.

A disp: De Lucia, Empereur, D’Elia, Sabelli, Diakhitè, Busellato, Petriccione, Tello, Kozak, Brienza, Improta, Floro Flores. All: Fabio Grosso.

Arbitro: Riccardo Pinzani della sezione di Empoli

NOTE: Ammoniti: Fiamozzi (P) al 38′ p.t.; Nenè (B) al 44′ p.t.; Campagnaro al 23′ s.t.. Espulsi: Campagnaro (P) al 44′ per doppia ammonizione

(* la cronaca si aggiorna automaticamente. Se ciò non dovesse verificarsi ti consigliamo di ricaricare la pagina)

Nessun commento

Commenta l'articolo