Petruzzelli: la risposta di uno Schittulli a termine a Biscardi

0

Situazione grave per la Fondazione Petruzzelli, e soci chiamati a mettere mano al portafoglio per ripianare le perdite accumulate. Intanto arriva la risposta di Francesco Schittulli, che però nei fatti è ormai di fatto un presidente a termine, dopo le elezioni di domenica scorsa e la proclamazione di Antonio Decaro come Sindaco della Città Metropolitana.

Massima “disponibilità a partecipare ad un tavolo istituzionale” per la soluzione dei problemi, ma impossibilità di poter erogare, allo stato attuale, alcun tipo di contributo, in questo caso straordinario,  in quanto “la vigente legislazione assegna, dal 1 luglio al 31 dicembre 2014, a codesto Ente poteri di ordinaria amministrazione”. Così, in sintesi, la risposta del presidente della Provincia di Bari, Francesco Schittulli, al sovrintendente del Teatro Petruzzelli, Massimo Biscardi, che aveva sollecitato i soci della Fondazione (oltre alla Provincia di Bari, Regione Puglia e Comune di Bari) a “un contributo straordinario in conto patrimonio per un importo pari ad un milione di euro per riportare il patrimonio netto disponibile in positivo”. Una manovra che, secondo Biscardi, si è resa necessaria a seguito dell’approvazione del Bilancio consuntivo 2013 che registra perdite, appunto, per circa un milione di euro solo per lo scorso anno.

Schittulli, nel prendere atto della gravità della situazione denunciata dal sovrintendente, ha, però, le mani legate per essere un “socio a scadenza” della Fondazione. La Provincia di Bari, infatti, dal prossimo primo gennaio sarà sostituita dalla Città Metropolitana nel Cda della Fondazione. Nel frattempo, però, consapevole che non è possibile perdere tempo prezioso per la risoluzione dei problemi denunciati da Biscardi, Schittulli sollecita un incontro dei soci per affrontare insieme la situazione per una idonea soluzione.

Condividi
Redazione
#raccontiamolapuglia. Quotidiano online indipendente di carattere generalista con un occhio particolare alle tante eccellenze della nostra regione.

Nessun commento

Commenta l'articolo