Pierluigi Battista vince il Premio Tatarella

0

L’editorialista del Corriere della sera, Pierluigi Battista, è  il vincitore del premio letterario per la saggistica politica Giuseppe Tatarella con il suo libro Mio padre era fascista, edito da Mondadori. Gli altri due finalisti erano Giovanni Valentini, con La svolta, edito da Longanesi e il professor Franco Cardini con L’ipocrisia dell’Occidentedi Laterza. Allo scrittore fiorentino è andata la menzione speciale per la stampa pugliese.
premio_tatarella_fioretti_valentini_cardini_lauroLa serata è stata brillantemente condotta,  in un Teatro Petruzzelli  pieno, da  Claudio Sabelli Fioretti  e Giorgio Lauro conduttori del programma di Radio Rai Un giorno da pecora. I due tra battute e interviste a candidati e rappresentanti delle Istituzioni promotrici ne hanno avute per tutti e hanno condotto il programma fino al momento della proclamazione da parte del notaio Emma Chicco del vincitore. Le operazioni di voto aperte dopo la presentazione delle tre opere in gara, si sono svolte metre i conduttori invitavano sul palco Antonio Uricchio, Rettore dell’Università Aldo Moro, Michele Emiliano, presidente della Giunta regionale pugliese e Antonio Decaro, Sindaco di Bari.

Non sono mancate le battute sul complicato rapporto tra Emiliano e Renzi ne sul selfi del sindaco barese con Hakim Nasiri 23enne afghano fermato e poi scarcerato per terrorismo.

A Battista, oltre ad una targa in cristallo un premio in denaro di tremila euro.

 

 

Commenta l'articolo

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.