Pink Bari, il calcio è uno sport per ragazzine

0

Chi pensa che calzettoni e magliette sporche siano una prerogativa maschile ormai è lontano anni luce dalla realtà dei fatti. Anche le più giovani possono alternare – o perché no, preferire – una sana sgambata sul campo di pallone a tutte le attività tradizionalmente abbinate alle ragazze. Lo dimostra la volontà della Pink Bari, la formazione di calcio femminile che quest’anno farà il suo esordio nella serie A di categoria, di far crescere il vivaio, senza alcun timore reverenziale verso i “maschietti”.

Piccole amiche, Pulcine, Giovanissimi ed Esordienti. Supportate da docenti, medici, psicologi, osteopati, l’avventura delle piccole calciatrici dai 5 ai 14 anni è pronta per iniziare, sul campo del centro sportivo Virtus di Bari – fra Loseto e Adelfia – sotto lo sguardo del responsabile tecnico Marisa Dagnello. Lo sport si fa portavoce dell’impegno per sradicare sin da tenera età. “Insegnare agli under 14 che lo sport è per tutti e non crea disparità tra uomini e donne – commenta la Dagnello – Solo spiegando questo concetto sin da piccoli si potrà diventare degli adulti più consapevoli”. Le ragazze si alleneranno con i pari età della Nick Calcio Bari.

A far crescere le giovani speranze del calcio femminile barese e, perché no, nazionale, ci penseranno anche le ragazze fra i 14 e i 19 anni che compongono la formazione Primavera. A loro il compito di affrontare il campionato giovanissimi maschile provinciale per prepararsi al quello femminile nazionale. I ragazzi sono avvisati: nulla è scontato, specie nel calcio.

Condividi
Laureato in Scienze della comunicazione, vive una condizione mentale-lavorativa a suo dire schizofrenica: cerca con insistenza di unire in un’unica professionalità il suo amore per il web e la scrittura. Ama la Puglia e per questo, nonostante le difficoltà ha deciso di restare qui.

Nessun commento

Commenta l'articolo