Pink Bari-Orobica 2-3. Harakiri biancorosso

0

Volti tesi, qualche lacrima, malcontento diffuso. Nel dietro le quinte della Pink Bari a fine gara c’è tutto lo sconforto per una ghiotta occasione malamente gettata alle ortiche. L’Orobica coglie all’Antonucci di Bitetto la prima vittoria stagionale ai danni di una Pink spenta e quasi mai propositiva, brutta copia della formazione capace di far bottino pieno nelle ultime due uscite casalinghe. Sconfitta che complica i piani salvezza di Isabella Cardone, delusa a fine gara tanto dal risultato quanto dall’autentica assenza di mordente di buona parte delle sue giocatrici.

Primo tempo. La Pink dimentica testa e cuore negli spogliatoi e lascia il pallino del gioco alle lombarde, che a Bari non sembrano la squadra materasso che ha subito 20 gol nelle ultime due partite. Al 5′ Doriana De Palo buca al centro e spalanca un’autostrada davanti a Roberta Picchi, che conclude sul piede di Giuseppina Di Bari in uscita. Altra amnesia difensiva al 18′: questa volta è Virginia Riva a non centrare lo specchio della porta da buona posizione.

La Pink si fa vedere al 19′ con Saida Akherraze, che non beffa per qualche centimetro la numero uno lombarda Francesca Chiesa con una parabola dai 40 metri, e al 23’con Giulia Olivieri, che conclude sul fondo dopo una buona combinazione con Marina Rogazione. Poca roba rispetto alle occasioni che a grappoli vengono confezionate dall’Orobica: al 25′ la punizione di Valeria Fodri timbra la traversa su calcio di punizione, al 27′ segna Riva di testa ma in posizione di fuorigioco, al 32′ un cross dell’onnipresente Fodri imbecca la Guya Vavassori che, tutta sola davanti alla Di Bari, manda incredibilmente alto sulla traversa.

Il gol. La rete dell’Orobica giunge inevitabile. Ines Spelic atterra la Riva in piena area di rigore. Inevitabile il penalty, con ammonizione per la centrale slovena. Dal dischetto Giorgia Coffetti non sbaglia e porta l’Orobica in vantaggio. La Pink ha un momento d’orgoglio con Carmela Anaclerio che impegna, al 37′, il portiere ospite. L’occasione più ghiotta arriva però al 42′, quando il colpo di testa all’indietro della Coffetti sull’innocuo lancio di Lucia Ceci trova impreparata la numero uno dell’Orobica, che evita l’autorete per un niente.

La ripresa. La Pink inizia la sua partita al 46′. Ancora una volta è Carmela Anaclerio a suonare la carica ma è soprattutto l’asse di sinistra Jerina-Akherraze a funzionare. Il gol del pareggio arriva al 52′: la conclusione di controbalzo di Lucia Strisciuglio si infila sotto la traversa difesa della Chiesa, non esente da colpe. Isabella Cardone ci crede, toglie la Strisciuglio e inserisce Maddy Paolillo, per un 4-2-4 che almeno sulla carta dovrebbe potenziare l’attacco della Pink. La partita invece s’addormenta sino al 79′, quando uno spiovente da destra trova Marina Rogazione tutta sola al centro dell’area dell’Orobica. Conclusione di testa centrale ma anche questa volta la Chiesa ci mette del suo, accompagnando in rete la palla del momentaneo 2-1. Il capitano della Pink si toglie la maglietta per festeggiare la prima rete in serie A.

Sembra fatta, ma negli ultimi 5 minuti l’Orobica azzecca la controrimonta. Al 86′, su azione di calcio d’angolo. Kaja Jerina devia nella propria rete il pallone del 2-2. Al 88′ fuga sulla fascia destra di Chiara Massussi e uscita miracolosa di Giuseppina Di Bari. La rivincita dell’attaccante lombarda giungerà al 91′, ancora una volta su calcio di rigore: Federica Asperti si inserisce fra le maglie della difesa biancorossa e la Spelic può solo atterrarla. Rigore netto e seconda espulsione stagionale per la slovena.

Nei restanti minuti di recupero Debora Novellino prova a raddrizzare il risultato con una conclusione da fuori area che non ha fortuna. Finisce 2-3 per l’Orobica che festeggia. dopo 7 incontri e 33 gol al passivo, la prima, meritata, vittoria in serie A.

Pink Bari-Orobica 2-3

Pink Bari. Di Bari, De Palo, Jerina, Anaclerio, Trotta (46′ Novellino), Spelic, Strisciuglio (58′ Paolillo), Akherraze, Olivieri, Ceci, Rogazione (79′ Cangiano). A disp. La Forgia, Pinto, Maffei. All. Cardone
Orobica. Chiesa, Giamboni, Zangari, Fodri, Poeta, Brasi, Coffetti, Lacchini (58′ Merli), Riva, Picchi (78′ Asperti), Vavassori. A disp. Silvi, Bianchi.All. Marini
Marcatori. 33′ Coffetti (rig.), 52′ Strisciuglio, 79′ Rogazione, 86′ Jerina (aut.), 91′ Massussi (rig.)
Espulsi. Spelic
Ammoniti. Anaclerio, Rogazione (Pink Bari) Giamboni, Poeta (Orobica)

Condividi
Laureato in Scienze della comunicazione, vive una condizione mentale-lavorativa a suo dire schizofrenica: cerca con insistenza di unire in un’unica professionalità il suo amore per il web e la scrittura. Ama la Puglia e per questo, nonostante le difficoltà ha deciso di restare qui.

Nessun commento

Commenta l'articolo