Politiche attive per il lavoro, la Puglia stanzia 34 milioni di euro

0

E’ stato presentato ieri in Regione Puglia il progetto su Cantiere e Lavoro Minimo di Cittadinanza. A presentare il provvedimento della giunta regionale il Presidente della Regione, Nichi Vendola con l’assessore alla Formazione Alba Sasso, l’assessore al Welfare Donato Pentassuglia e l’assessore al Lavoro Leo Caroli. L’intervento del consigliere regionale e presidente della V Commissione Filippo Caracciolo.

La misura del Lavoro minimo di Cittadinanza prevede il diretto coinvolgimento dei Comuni nei processi di ricollocazione dei lavoratori inseriti nella Banca dei percettori di ammortizzatori sociali, anche in deroga. I Cantieri di Cittadinanza consistono in una misura destinata ai disoccupati di lunga durata con priorità per le persone in condizioni di particolare fragilità sociale già in carico ai servizi sociali e per le quali, con l’eventuale supporto del terzo settore, si prevede l’elaborazione di progetti di inserimento socio-lavorativo sotto forma di cantiere di lavoro.

“Come detto nel corso della conferenza stampa si tratta di un atto amministrativo all’avanguardia – ha sottolineato Caracciolo – che pone la Puglia all’attenzione di tutte le altre regioni italiane per essere la prima a determinare un’azione decisa che combatte la precarietà per rimettere la persona in un percorso di occupazione con dignità. La misura del Cantiere Minimo e del Lavoro di Cittadinanza è il frutto del confronto negoziato con i sindacati, con le organizzazioni sindacali e gli enti locali. Gli obiettivi della misura della Regione Puglia coinvolgono il tema del sociale, della formazione e del lavoro. Vuole essere una risposta alla crisi che attanaglia il mondo del lavoro nell’auspicio che presto possa giungere buone notizie sul fronte delle politiche industriali a livello nazionale”.

“La Puglia – sottolinea Filippo Caracciolo – investe 34 milioni di euro con un provvedimento indirizzato a percettori di ammortizzatori sociali-cassintegrati attraverso lavori di pubblica utilità. L’aspetto fondamentale del provvedimento della giunta pugliese riguarda la riqualificazione dei lavoratori coinvolti. Dopo il piano del lavoro del 2011 la Regione Puglia si caratterizza con questa misura per contrastare il diffuso e crescente disagio sociale restituendo centralità nelle politiche regionali ai soggetti più fragili e quindi anche più provati dalla crisi. Vogliamo dare dignità ma soprattutto speranza ai lavoratori. Grazie all’elemento della formazione il lavoratore è più forte. La cittadinanza è la parola chiave del provvedimento ed unisce la risposta alla domanda di lavoro con la necessità dei territori di ripartire con maggiore vigore dal punto di vista economico-sociale”.

“È un modo concreto di lottare contro la povertà”. Così il Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola. Per ciò che riguarda i Cantieri di cittadinanza, ha spiegato il Presidente della Regione Puglia, “si tratta di un sostegno economico che trasferiamo ai Comuni perché, per dodici mesi, possano assumere persone a 500 euro al mese per lavori minimi di manutenzione, di messa in sicurezza delle città ferite dal degrado”.

Condividi
Redazione
#raccontiamolapuglia. Quotidiano online indipendente di carattere generalista con un occhio particolare alle tante eccellenze della nostra regione.

Nessun commento

Commenta l'articolo