Borse di studio per aiutare gli studenti meritevoli: il bando della Fondazione Tatarella

0

L’obiettivo è quello di replicare il successo dello scorso anno e, possibilmente, incrementarlo. Lo scopo è aiutare gli studenti meritevoli e bisognosi ad intraprendere gli studi universitari. Giunge alla seconda edizione l’iniziativa della Fondazione Giuseppe Tatarella, dedicata alla consegna di alcune borse di studio con lo scopo di sostenere i giovani che desiderano intraprendere percorsi universitari ma non hanno la possibilità economica di farlo.

Nel salone della Provincia di Bari è stato presentato il Regolamento per partecipare all’assegnazione nello specifico di cinque borse di studio messe in palio per gli studenti dell’ultimo anno delle scuole medie superiori statali e parificate delle province di Bari e Bat.

Ogni borsa di studio ha un valore di 1200 euro, rappresentativo del costo medio di un’annualità di iscrizione al primo anno di una facoltà universitaria.

L’iniziativa ha ottenuto il patrocinio del Consiglio Regionale della Puglia, delle Amministrazioni Provinciali Bari e Bat, del Comune di Bari, delle Università Aldo Moro, Politecnico e Lum Jean Monnet , dell’Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia, dell’Ordine dei Giornalisti, Assostampa di Puglia, Associazione Porta d’Oriente, Accademia di Belle Arti di Bari e Conservatorio Niccolò Piccinni.

Le domande dovranno essere spedite o consegnate alla segreteria della Fondazione in via Piccinni, 97 dalle 10 alle 12 dal lunedì al venerdi o spedite all’indirizzo di posta elettronica fondazionetatarellagiuseppe@gmail.com indicando nell’oggetto il nome e il congnome del candidato.

Per concorrere all’assegnazione delle borse i candidati dovranno presentare un elbaorato della lunghezza di almeno 9000 battute, spazi inclusi, pari a 5 cartelle, su un argomento scelto dal Consiglio di Amministrazione che verrà reso noto il prossimo primo dicembre.

Condividi
Redazione
#raccontiamolapuglia. Quotidiano online indipendente di carattere generalista con un occhio particolare alle tante eccellenze della nostra regione.

Nessun commento

Commenta l'articolo