Premio Maglio 2017 dedicato al Sud

0

Il Premio giornalistico Antonio Maglio 2017 avrà come tema il Sud. Il premio arrivato alla sesta edizione e al decimo anniversario della scomparsa del giornalista salentino quest’anno riguarda un tema libero di attualità relativo al Mezzogiorno d’Italia, un omaggio a Maglio che, pur avendo girovagato per il mondo, non smise mai di amare la sua terra, il Salento e il Mezzogiorno, a cui rimase sempre attaccato.

Sono ammessi al concorso articoli e inchieste pubblicati su quotidiani, periodici e testate giornalistiche on-line che verranno segnalati alla giuria, facendo pervenire copia della pagina di giornale o della pagina web su cui è stato pubblicato l’articolo, recanti l’indicazione della testata e la data di pubblicazione. All’articolo va allegato un breve curriculum professionale dell’autore, con le sue generalità, luogo e data di nascita, indirizzo, e-mail e telefono. La partecipazione è gratuita e la segnalazione degli articoli dovrà pervenire entro il 31 maggio all’ “Associazione Antonio Maglio” c/o Museo Civico Messapico, via Kennedy – 73011 Alezio (Lecce). Al vincitore andrà un premio di 1.000 euro. La giuria assegnerà anche un “Premio alla carriera” ad un giornalista che si sia particolarmente distinto per la sua attività professionale. I premi saranno consegnati all’inizio di agosto ad Alezio, durante una cerimonia pubblica.
Il premio è organizzato dall’Associazione Antonio Maglio, presieduta dall’onorevole Giacinto Urso, e il Comune di Alezio, con la collaborazione e/o il patrocinio dell’Ordine dei Giornalisti, Federazione Nazionale della Stampa, Assostampa di Puglia, Regione Puglia, Provincia di Lecce, Comune di Lecce, Università del Salento e d’intesa con la famiglia Maglio, per ricordare, attraverso la promozione del lavoro giornalistico, la figura e le qualità umane e professionali del giornalista salentino.

Condividi
Redazione
#raccontiamolapuglia. Quotidiano online indipendente di carattere generalista con un occhio particolare alle tante eccellenze della nostra regione.

Nessun commento

Commenta l'articolo