“Puglia Loves Family”: le domande dal 2 maggio

0

Un marchio che “certifica” l’attenzione alla famiglia per operatori turistici e culturali pugliesi. Va avanti ormai da qualche anno il progetto “Puglia Loves Family” ed ora, dal prossimo 2 maggio, gli operatori dei settori Alberghi e Attività Culturali (Cinema, teatri, musei ed eventi temporanei) interessati a strutturarsi per il segmento family, potranno richiedere all’Assessorato al Welfare della Regione Puglia il marchio di qualità “Puglia Loves Family“.

Le domande per le prime due categorie (alberghi e attività culturali) possono essere presentate da mercoledì 2 maggio 2017 alla Sezione Promozione della Salute e del Benessere Sociale, sono a sportello (non hanno cioè una scadenza temporale). Tutte le informazioni, i materiali di riferimento e le modalità operative per l’ottenimento del marchio sono reperibili sul sito dedicato family.regione.puglia.it.

Il marchio è stato adottato recentemente dalla Giunta regionale (DGR 55/2017) anche se il percorso di costruzione di un territorio amico delle famiglie, quale leva per lo sviluppo economico, culturale e sociale, risale a qualche anno fa, con l’approvazione del II Piano di Azione per le Famiglie. Oggi, dopo l’approvazione dei primi due disciplinari, prosegue l’attività di concertazione con gli stakeholder di riferimento finalizzata alla messa a punto di ulteriori disciplinari riservati ai bed & breakfast, agriturismo, parchi divertimento, ristoranti.

Intanto, continua il tour pugliese dello staff “Puglia loves family” per la presentazione dei due disciplinari: gli incontri vengono organizzati con il supporto delle associazioni di categoria che in questo modo hanno la possibilità di approfondire il tema, con gli operatori interessati presenti sui territori. Dopo una prima tappa a Castellana Grotte, il prossimo appuntamento è previsto a Taranto il 18 maggio.

Condividi
Redazione
#raccontiamolapuglia. Quotidiano online indipendente di carattere generalista con un occhio particolare alle tante eccellenze della nostra regione.

Nessun commento

Commenta l'articolo