La Puglia vola sulla rete: gli eventi al centro del Must Love Festival

0

La potenza dei social network è sterminata. Un passaparola che, nel giro di pochi attimi, prende il volo e diventa globale e virale. Per il turismo ed un territorio questo significa contatti illimitati, spesa irrisoria ed un potenziali riverbero di immagine che ha dell’incredibile. Ed i professionisti del settore non smettono di sottolineare come queste nuove modalità di comunicazione (anche per le Istituzioni) diventano fondamentali in un mondo a forma e misura di smartphone.

La Puglia in questo contesto ha iniziato a muoversi con il piede giusto.

La Puglia naviga veloce sui social network e raggiunge un audience internazionale (tutto il mondo) attraverso i travel blogger, veri  amplificatori e portavoce del brand. Per questo Pugliapromozione ha  deciso di lavorare con i travel blogger sia per i roadshow che per gli eventi, consapevole che il passaparola sulla rete è la leva più potente che ci sia per attrarre turisti oggi.

Le luminarie di Scorrano campeggiano nella Home page del portale di Must Love Festivals (www.mustlovefestivals.com), il progetto ideato da Kash Bhattacharya, uno dei guru dei social media seguitissimo sulla rete che ha coinvolto travel bloggers, organizzatori di eventi, enti del turismo ed Expedia. Una ventina di travel blogger sono stati in giro per l’Europa per vivere e recensire festival di ogni tipo. In Italia ha  partecipato solo la Puglia con 5 eventi (Notte delle luci, Mercatino del gusto, Locus festival, Carpino folk festival, Notte della Taranta) e 10 blogger coinvolti. E le immagini delle luci di Scorrano sono state scelte fra tutti gli eventi europei per la home page.

Tra le campagne di successo fatte dai travel blogger di Iambassador sui social media citate dallo stesso Melvin Boecher la Puglia e i road show occupano un posto  di rilievo. La campagna #WeAreinPuglia dei Roadshow  di Pugliapromozione  è stata menzionata come best practice sia a Rimini al TBDI che a Londra al WTM in un importante focus su social media e travel blogger, “Turning Experiences Into Successfull Experiments”.

Oltre ad aver raccontato l’idea della campagna, i due blogger hanno sottolineato i risultati numerici della campagna di tutto rispetto: 11 blogger hanno promosso i roadshow Weareinpuglia in tutto il mondo. La Puglia è stata raccontata su Twitter attraverso l’hashtag #WeAreinPuglia con risultati sbalorditivi: 4.600.000 gli account unici raggiunti, oltre 121.000.000 il numero di impression totali generati dai tweet contenenti l’hashtag nei soli mesi del road show (Fonte Tweetreach), 42.500 le foto postate su Instagram ad oggi e infine un AVE (Advertising Value Equivalent) di ben 1.923.000 € (Fonte BrandsEye) a fronte di un investimento dell’ordine di poche decine di migliaia di euro.

Condividi
Roberto Mastrangelo
Coordinatore Redazionale del progetto PugliaIn.net. Socio fondatore dell'Associazione Scritture Digitali, in passato giornalista per il Movimento, Roma, il Patto, il Resto, l'Indipendente, Puglia d'Oggi, Cerca la domanda scomoda da fare nel momento peggiore.

Nessun commento

Commenta l'articolo