Ricerca: la generosità degli italiani dona 31,3 milioni di euro a Telethon

0

La venticinquesima maratona televisiva di Telethon sulle reti Rai, conclusasi ieri sera con una puntata speciale di “Affari tuoi”, ha permesso di raccogliere 31,3 milioni di euro che saranno destinati a sostenere la ricerca scientifica di Telethon sulle malattie genetiche rare.

Tantissimi i protagonisti di questa edizione, dai personaggi noti del mondo dello spettacolo e della musica ai ricercatori, alle famiglie e ai donatori che, seguendo il filo conduttore della campagna Telethon 2014 “La nostra maratona è #ognigiorno”, hanno raccontato il loro impegno e la loro lotta quotidiana contro le malattie genetiche rare. Importante anche il sostegno del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano che ha lanciato un appello agli italiani per sostenere la ricerca Telethon.
Il successo della venticinquesima maratona Telethon emerge anche dal gran numero di contatti generato dalla campagna di Telethon (Facebook, Twitter, Instagram, Youtube). Nel corso della serata dedicata al Charity Show Telethon è stata protagonista degli argomenti di tendenza su Twitter con gli Hashtag #ognigiorno, #Telethon e #ioesisto. Su Instagram, novità di quest’anno, sono state 11.465 le foto taggate con l’hashtag #ognigiorno.

I fondi raccolti grazie alla generosità degli italiani saranno destinati alla ricerca scientifica Telethon sulle malattie genetiche rare. Dal 1990 a oggi Telethon ha sostenuto la ricerca con 420 milioni di euro che hanno permesso di mettere a punto terapie per alcune malattie rare prima considerate incurabili (ADA-Scid, leucodistrofia metacromatica e sindrome di Wiskott Aldrich). Attraverso un metodo unico nel panorama italiano, Telethon segue l’intera “filiera della ricerca” occupandosi della raccolta fondi, della selezione e del finanziamento dei progetti e dell’attività stessa di ricerca portata avanti nei centri e nei laboratori della Fondazione.

L’assegnazione dei fondi Telethon avviene attraverso un rigido processo di selezione affidato alla Commissione medico scientifica che si avvale del metodo della “peer-review” (letteralmente “revisione tra pari”), lo stesso strumento con cui le riviste scientifiche internazionali selezionano i lavori da pubblicare. Questo processo, utilizzato anche dai National Institutes of Health (Nih), l’agenzia federale di ricerca biomedica degli Stati Uniti, garantisce rigore e oggettività.
A conferma della validità del metodo utilizzato, Telethon ha ricevuto quest’anno l’Oscar di Bilancio che ha premiato la trasparenza, la chiarezza e la precisione del bilancio della Fondazione.

Ancora una volta, grazie al grande cuore degli italiani, Telethon ha potuto raccogliere risorse importanti da destinare alle ricerca sulle malattie genetiche rare – ha commentato Luca di Montezemolo, presidente TelethonNonostante la difficile situazione economica del nostro Paese, milioni di persone continuano a credere nella nostra missione e a sostenerla con forza e generosità. E’ grazie a loro se in questi anni la ricerca Telethon è riuscita a sviluppare terapie per malattie prima incurabili. Il nostro ringraziamento va a tutti coloro che ci sostengono, alla Rai che ha collaborato con grande impegno alla realizzazione della venticinquesima maratona televisiva della nostra storia, alle aziende partner ai nostri ricercatori e alle famiglie

La maratona si è conclusa sulle reti Rai ma è possibile donare fino al 16 dicembre telefonando o inviando sms al numero solidale 45501. Il valore della donazione sarà di 2 euro per ciascun SMS inviato da cellulari personali TIM, Vodafone, WIND, 3, PosteMobile, CoopVoce e Noverca. Sarà di 2 euro anche per ciascuna chiamata fatta allo stesso numero da rete fissa TWT, TeleTu e ClaudItalia e di 5/10 euro per ciascuna chiamata fatta allo stesso numero da rete fissa Telecom Italia, Infostrada e Tweb. Fino al 31 dicembre è inoltre attivo il Numero Verde CartaSi 800.11.33.77 per le donazioni con carta di credito.

Condividi
Redazione
#raccontiamolapuglia. Quotidiano online indipendente di carattere generalista con un occhio particolare alle tante eccellenze della nostra regione.

Nessun commento

Commenta l'articolo