Ricerca, un progetto barese approda alla Columbia University di New York​

0

Giovedì pomeriggio, anche in streaming sul web, il team dell’Università di Bari guidato dal professor Agostino Marengo presenterà il resoconto finale del proprio progetto di ricerca alla Columbia University di New York.

Il Progetto di Ricerca intitolato “Performance of mobile devices running HTML5 designed Learning Objects” verrà presentato come paper invitato alla Conferenza Internazionale ICELW 2016 il cui programma è consultabile qui.

Si tratta di un progetto singolare che associa la tecnologia mobile degli smartphone e tablet alla ricerca nel campo e-learning in cui il gruppo di ricerca del Dipartimento di Scienze Economiche e Metodi Matematici ha lavorato a contatto con alcune aziende di telefonia mobile e con la Osel Srl (e-learning Company – osel.it), per 6 mesi di progettazione, testing e analisi dei risultati.

Così commenta il Prof. Toma, Direttore del Dipartimento: “Il Dipartimento di Scienze Economiche e Metodi Matematici è impegnato da anni in programmi di eccellenza ed internazionalizzazione della ricerca e di trasferimento tecnologico. Per questo motivo siamo orgogliosi che il progetto di ricerca del team del Prof. Marengo approdi in un contesto così importante come quello della Columbia University di New York. Questa è la dimostrazione che la ricerca universitaria italiana raggiunge l’eccellenza nonostante le precarie condizioni in cui versano le università italiane in generale e quelle del sud Italia in particolare”.

Osel, spin-off dell’Università di Bari, impegnata nel design, progettazione e sviluppo di soluzioni e-learning, nasce dalla passione di alcuni ricercatori universitari che che hanno portato l’innovazione dall’accademia all’azienda diventando imprenditori.  Oggi Osel studia progetti di e-learning e gaming per aziende medio-grandi come Vodafone, Sky, Ferrari, Ducati e Maison Valentino.

Condividi
Redazione
#raccontiamolapuglia. Quotidiano online indipendente di carattere generalista con un occhio particolare alle tante eccellenze della nostra regione.

Nessun commento

Commenta l'articolo