Richiedi la Carta d’identità con un click: Bari verso la sperimentazione

0

Lunghe file allo sportello per un certificato? Bari si appresta a rendere quei serpentoni di gente in attesa di un documento uno sbiadito ricordo. Da metà ottobre i cittadini di Bari potranno sperimentare la prenotazione online di alcuni servizi, come il rilascio della carta d’identità cartacea o il cambio di domicilio: basterà registrarsi al portale, che sarà disponibile dal 15 ottobre, indicare data, ora e sede preferita per l’appuntamento et voilà, nessuna fila e nessun inutile tempo d’attesa. Una gestione (finalmente) intelligente del servizio.

“Bari è la prima città del Mezzogiorno – dichiara l’assessore Angelo Tomasicchio – ad essersi dotata di un sistema di questo tipo”. Carta d’identità e cambio di domicilio saranno solo i primi servizi prenotabili. “Successivamente – prosegue l’assessore – sarà possibile ottenere anche il rilascio della carta di identità in formato elettronico, l’iscrizione anagrafica e la prenotazione della sala matrimoni. Tutto questo nell’ottica dell’efficientamento della pubblica amministrazione, del miglioramento dei servizi al cittadino e di una drastica riduzione delle code agli sportelli”.

Che sia il primo passo per una città smart, meno soffocata dalla burocrazia e più vicina alle esigenze del cittadino? Ne sono convinti il sindaco Antonio Decaro, che esprime la volontà “di arrivare ad offrire online tutti i certificati anagrafici, magari tramite PEC. Questa è la strada giusta per poterlo fare”, e il direttore della ripartizione Servizi demografici Umberto Ravallese, che immagina, dopo la fase sperimentale, che il servizio possa “essere esteso anche ad altri uffici comunali che svolgono attività di front office, così da migliorare ulteriormente i servizi ai cittadini”.

Condividi
Laureato in Scienze della comunicazione, vive una condizione mentale-lavorativa a suo dire schizofrenica: cerca con insistenza di unire in un’unica professionalità il suo amore per il web e la scrittura. Ama la Puglia e per questo, nonostante le difficoltà ha deciso di restare qui.

Nessun commento

Commenta l'articolo