Scontro tra treni Fse in Salento: un semaforo rosso non rispettato alla base di tutto?

0

Ancora un errore umano. Sembrerebbe che sia stato un semaforo rosso non rispettato ed un binario unico alla base dell’incidente di ieri pomeriggio. Uno scenario che soltanto per fortuna e per la bassa velocità non ha visto ripetersi le scene e il dramma di nemmeno un anno fa quando tra Corato ed Andria due treni si scontrarono frontalmente provocando 23 morti ed oltre 50 feriti.

“Uno dei due convogli era fermo al segnale di ingresso della stazione di Galugnano, mentre l’altro è partito in direzione Lecce non rispettando il segnale rosso”. Questa la dinamica dell’incidente ferroviario avvenuto nel pomeriggio di ieri sulla linea Lecce-Zollino delle Ferrovie del Sud Est. A riferirlo sono le Ferrovie dello Stato, proprietaria da alcuni mesi delle Ferrovie del Sud Est (FSE).

Il bilancio totale parla di 15 feriti, tra cui un macchinista. I cinque i feriti trasportati al Pronto Soccorso del “Vito Fazzi” di Lecce: sono in condizioni definite dai medici “non gravi”.Si tratta di 1 uomo di 74 anni con con trauma toracico chiuso (sospette contusioni costali), 1 donna di 40 anni con trauma toracico chiuso (sospette contusioni costali), 1 donna di circa 20 anni con un trauma cranico minore (con sè ha un bambino piccolo, illeso) e il marito con un’abrasione ad un occhio e di 1 donna di 60 anni con un trauma contusivo ad un piede.

Intanto dalla Regione l’Assessore ai Trasporti Giovanni Giannini ha fatto sapere che i fondi messi a disposizione dalla Regione Puglia alle Ferrovie Sud Est per l’ammodernamento degli impianti di sicurezza (circa 36 milioni di euro) sono stati spesi soltanto in minima parte.

“Alle Ferrovie del Sud Est (FSE) – dice Giannini – furono assegnati 36 milioni che la società ha utilizzato solo in minima parte, non avendo rispettato il termine di scadenza per l’utilizzo dei fondi POR. Le somme sono state quindi implementate fino a circa 60 milioni di euro e riprogrammate con i Fesr 2014-2020 e serviranno a mettere in sicurezza l’intera rete ferroviaria gestita da FSE”.

Commenta l'articolo

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.