Stare meglio con la terapia dell’orto e la silvicoltura

0

Imparare a prendersi cura di se stessi, ad avere fiducia nelle proprie capacità, relazionandosi con l’ambiente, le piante e l’universo vivente di un orto: è questo l’obiettivo di “Agro/Horticultural Therapy”, l’iniziativa che sarà attivata a Orsara di Puglia.

Il Comune di Orsara di Puglia, rispondendo a un bando finanziato con fondi strutturali ed emanato dal Gal – Gruppo d’Azione Locale – Meridaunia, ha ideato un progetto di cui beneficeranno persone con lievi disabilità cognitive. La sottoscrizione di un protocollo d’intesa ha assicurato la collaborazione dell’Arif – Agenzia Regionale per le attività Irrigue e Forestali – e dell’Asl Foggia. Tutor e partecipanti potranno usufruire di spazi e strumenti del vivaio forestale di Orsara, nel Bosco Acquara, nel quale gli utenti del progetto realizzeranno il loro orto.

Il percorso che sarà intrapreso ha l’obiettivo di stimolare il lavoro di gruppo, favorire la capacità di prendersi cura di organismi viventi, aiutare a riconoscere i tempi della natura. Le attività si svolgeranno in aula e all’interno del vivaio forestale: i partecipanti impareranno a seminare, avranno modo di sperimentare direttamente la messa a dimora delle piantine che vedranno crescere, potranno creare aiuole e realizzare piccoli interventi di ingegneria naturalistica. Si adopererà un approccio ludico e, con l’aiuto dei partecipanti, si creerà una storia attorno al piccolo orto-vivaio da curare nel tempo.

La coltivazione di un orto assumerà un valore diverso rispetto al solo dato nutrizionale e produttivo, diventando un modo per far crescere l’autostima, per relazionarsi felicemente con se stessi, con gli altri e con la natura, una vera e propria terapia. L’intera iniziativa sarà presentata ufficialmente nei prossimi giorni nel corso di un incontro pubblico.

Condividi
Redazione
#raccontiamolapuglia. Quotidiano online indipendente di carattere generalista con un occhio particolare alle tante eccellenze della nostra regione.

Nessun commento

Commenta l'articolo