T’af-Fitto Forza Italia

0

Altero Matteoli, Paolo Romani, Renato Brunetta, Denis Verdini, Giovanni Toti e Sistino Giacomoni vedono in Raffaele Fitto il futuro della Puglia, indicandolo come il migliore ed il più forte in assoluto nella Regione, splendente di un ampio consenso personale e di una ampia visibilità, coronata con le oltre 300mila preferenze che lo hanno consacrato come numero 1 di tutto il panorama forzista nazionale.

Eppure, alla spremuta di cuore, l’ex delfino del Cavaliere risponde picche: “La mia candidatura non sta né in cielo né in terra. Possibile che si usino giochetti per smarcarsi dalla riflessione più profonda che ho lanciato nel movimento, utile a non farci sparire? Non voglio guidare il Titanic, ho avvisato dell’iceberg e voglio provare, con tutti, ad evitarlo.”

Ed è chiaro il sentimento dei filo-berlusconiani, la tattica, per marginalizzarlo e renderlo sovrano del suo orticello, evitando la puntigliosa e pruriginosa guerra interna che il leccese ha lanciato contro le nomine, il Patto del Nazareno, e contro il “Cantiere della libertà” che li vede appiattiti sulla linea politica di Matteo Salvini.

Del resto, il cerchio magico del Cavaliere non lo ha mai digerito. E lo stesso Berlusconi in uno sfogo: “Ha avuto tutto, vuole visibilità e legittimazione, noi gli offriamo una candidatura per vincere e lui ci accusa di fare giochetti?” E’ chiaro che le scintille sono ai massimi livelli e nel frattempo si continua a perdere tempo utile per creare uno schieramento. Le primarie, che il tacco dello Stivale vorrebbe coronare, sono ostacolate dal partito. Michele Emiliano, avrà vita facile senza avversari e di sicuro, Fitto non ha alcuna intenzione di rischiare di perdere contro di lui e spegnersi totalmente.

Tutto sommato, siamo convinti che darà la colpa alla linea nazionale del partito, e avrà ancora più ragioni per inveire contro l’immobilismo che sta fagocitando i consensi. Di risposta, la dirigenza, scaricherà bile sul coordinamento regionale.

Non è che perdere, quasi quasi, non spiaccia a nessuno?

Twitter @andrewlorusso

Nessun commento

Commenta l'articolo