Taranto, due pescherecci in avaria salvati da Guardia costiera

0

Un 25 aprile intenso quello che volge al termine per la Capitaneria di porto di Taranto. La Guardia costiera tarantina, infatti, è stata impegnata nel recupero e salvataggio di ben due motopescherecci. Nelle prime ore della mattinata il primo natante, che navigava nei pressi di Punta Rondinella, ha allertato la sala operativa della Capitaneria di porto – Guardia Costiera di Taranto, richiedendo soccorso, in seguito al verificarsi di una falla dello scafo.

Tempestivo l’intervento del Comando che ha tratto in salvo i 3 membri di equipaggio portando il motopeschereccio ad ormeggiare presso il molo San Nicolicchio ove la MV CP 840 garantiva la sicurezza delle persone imbarcate, dell’unità e accertava l’assenza di forme di inquinamento in zona.

I Vigili del Fuoco allertati prontamente hanno proceduto a svuotare il vano apparato motore e a porre in essere tutte azioni necessarie per trasportare successivamente l’unità presso il cantiere Basile, ove è stata tirata a secco per accertare le cause che hanno provocato la falla.

Poche ore dopo una nuova chiamata ad intervenire in soccorso di un secondo peschereccio.

La chiamata di soccorso questa volta è arrivata da familiari di un membro dell’equipaggio. Nuovamente la MV CP 840 ha mollato immediatamente gli ormeggi per dirigersi alla ricerca dell’unità in difficoltà che in pochissimo tempo è stata intercettata al largo dell’Isola di San Pietro, con a bordo i tre membri dell’equipaggio, tutti in buone condizioni di salute. A soccorrere l’imbarcazione anche i Vigili del Fuoco che ha accertato che l’imbarco di acqua, in questo secondo evento, non era stato causato da una falla ma dalle avverse condizioni meteo.

Ripristinate le condizioni di sicurezza dell’unità ed accertate le buone condizioni di salute dell’equipaggio, il motopeschereccio è rientrato in porto.

Condividi
Fabio Paparella
Giornalista publicista dal 2008. Ha scritto per Cuore Impavido (periodico universitario), Puglia d'oggi e Puglia in che dirige dal 2009. Appassionato di Puglia e innamorato di Bari, dove vive e lavora come funzionario Anci Puglia. Fondatore dell'associazione Scritture digitali. Cerca qualcuno disposto a cambiare insieme lo stato delle cose...

Nessun commento

Commenta l'articolo