Taranto, si firma il “patto delle Gravine”, la scommessa sul futuro turistico

0

Un territorio unico nel panorama turistico internazionale e, allo stesso tempo, profondamente eterogeneo al suo interno.

La Terra delle Gravine scommette sulla sua identità con una “santa alleanza” che vedrà insieme comuni, enti e associazioni. Venerdì 28 novembre, infatti, nel Salone di Rappresentanza della Provincia di Taranto si terrà un incontro aperto alla stampa durante il quale sarà sottoscritto il “Patto delle Gravine”, un protocollo d’intesa che metterà insieme 7 comuni (Castellaneta, Ginosa, Laterza, Massafra, Mottola, Palagianello, Palagiano), il Gal “Luoghi del Mito” e diversi enti, cooperative e associazioni operanti sul territorio, per definire la migliore strategia di promozione della peculiare civilà rupestre dell’arco ionico.

L’impulso a mettersi in rete arriva dai risultati di un workshop tenuto a maggio scorso a Mottola, intitolato “Patrimonio Identitario e turismo: settori strategici per il benessere delle comunità nella Terra delle Gravine”. Una sorta di “stati generali” del turismo e della cultura nella Terra delle Gravine, quel workshop servì a scoprire le molteplici realtà che operano nel settore della promozione a partire da Herity International, l’organismo con sede in Vaticano che ha elaborato un disciplinare riconosciuto e adottato dall’Unesco, utile a certificare la qualità della gestione del patrimonio culturale materiale.

L’evento di maggio fu organizzato dall’associazione culturale Aulon Res grazie al sostegno del Gal “Luoghi del Mito”, avendo come coordinatore scientifico Gavino Maresu (già docente di “Gestione delle imprese e degli eventi turistici” all’Università di Genova) e avvalendosi del contributo di molti rappresentanti accademici e istituzionali, come il direttore del MarTa Antonietta Dell’Aglio, gli assessori regionali Fabrizio Nardoni e Silvia Godelli, fino al segretario generale di Herity International, Maurizio Quagliuolo.

Quel lavoro ha prodotto frutti proficui: un decalogo di buoni intenti che rappresenta il “corpo” del “Patto delle Gravine”, che venerdì sarà sottoscritto ispirandosi ai temi di quel workshop e grazie alla volontà degli stessi attori.

Con una spinta in più, però. Nel frattempo, infatti, Matera è stata nominata capitale europea della cultura per il 2019, mettendo la civiltà rupestre dell’arco ionico al centro del dibattito internazionale e degli interessi di settore. Fare squadra, quindi, appare ora come un destino irrinunciabile ed è per questo che anche il primo cittadino della città dei sassi, Salvatore Adduce, venerdì porterà il suo contributo. Dopo il riconoscimento ottenuto da Matera, sarà la prima volta del sindaco Adduce a Taranto e potrebbe essere anche un’ottima occasione per cogliere ulteriori opportunità di collaborazione.

Condividi
Redazione
#raccontiamolapuglia. Quotidiano online indipendente di carattere generalista con un occhio particolare alle tante eccellenze della nostra regione.

Nessun commento

Commenta l'articolo