Automazione: Tesla, l’Autopilot fa tanto ma non sostituisce l’uomo

0

Ne avevamo già parlato nel 2016, definendolo il primo “lutto” in casa Tesla.

A distanza di un anno dall’incidente mortale che nel 2016 aveva coinvolto una Tesla Model S attirando l’attenzione del mondo dell’auto e dell’opinione pubblica sul mercato delle auto elettriche ad altissima tecnologia e sul sistema di guida “semiautonomo” Autopilot che era stato messo sotto accusa, ed in seguito ad un’indagine approfondita che aveva portato all’ok dell’NHTSA, giunge ora un parere analogo da parte del National Transportation Safety Board (NTSB).

L’ente americano ha reso pubblico un resoconto preliminare relativo all’indagine intrapresa a seguito dell’interessamento dell’NHTSA sulle circostanze poco chiare dell’incidente della Model S 70D.

Pur non trattandosi di un documento completo e definitivo, la posizione dell’ente americano sulla sicurezza dei trasporti è chiara: Se da un lato è evidente che il sistema avrebbe dovuto distinguere il rimorchio di un camion bianco anche se in condizioni di luce del tutto particolari e proveniente da un’insolita e pericolosa angolazione la Tesla utilizza sistemi definiti ancora per ora “non completamente autonomi” e il guidatore avrebbe dovuto comunque mantenere quantomeno l’attenzione sulla strada.

A pochi mesi dall’incidente Tesla ha rilasciato un aggiornamento, “la release 8.0” che ha modificato profondamente il funzionamento del sistema e l’interfaccia utente, che ora è costretto dal sistema a poggiare le mani sul volante.

Tuttavia, a prescindere dei miglioramenti apportati al sistema guida autonoma o semiautonoma, del fatto che per Tesla si tratta del primo incidente mortale noto dopo oltre 209 milioni di chilometri percorsi dagli utenti con l’Autopilot attivo e dalla responsabilità e serietà dimostrata dal marchio che ha collaborato sin dal primo istante con le autorità e continua ad avere la fiducia di tutti i clienti ed estimatori il buon senso non esula in nessun momento il conducente dalla supervisione delle attività dell’autovettura.

Nessun commento

Commenta l'articolo