Trani, la cena delle pietre a quattro mani

0

Si rinnova venerdì 24 ottobre, dalle ore 20:30, l’esclusivo appuntamento con “La cena delle pietre” per gli amanti di enogastronomia presso il slow restaurant Le lampare al fortino di Trani, che nelle precedenti edizioni ha ospitato già prestigiose aziende vinicole come: Gaja (Piemonte), Antinori (Toscana), Tormaresca (Puglia), Perrier-Jouet (Francia), Jermann (Friuli), Petra (Toscana), Bellavista (Lombardia) e Charles Heidsieck (Francia).

L’evento ideato dal patron Antonio Del Curatolo nasce dal concetto di comunione tra le vigne che poggiano su depositi di terra e pietre e Trani, la città della pietra per antonomasia grazie anche al recupero della ex Chiesa di S. Antuono e il fortino ad essa inglobata, mosaico architettonico prezioso per le sue pietre di varia bellezza.

Nota particolare della serata è data dalla presenza di un pugliese doc (molfettese) trasferitosi al Nord per lavoro dove è stato capace di mettere d’accordo con i suoi piatti sia critica che pubblico. La Stella Michelin Felice Lo Basso, ora chef dell’Unico di Milano e proveniente dal Grand Hotel Alpenroyal, ritornerà in Puglia proponendo un menù esclusivo con l’executive chef de Le Lampare al Fortino Giovanni Lorusso, cuoco dell’anno 2011 e quarto classificato al Global Chef Challenge 2014.

Quest’anno ospiti della Cena delle pietre a quattro mani saranno tre importanti aziende vinicole: St. Michael – Eppan (Trentino Alto Adige), Contadi Castaldi Franciacorta (Lombardia) e Tenute Chiaromonte (Puglia).

Durante la serata verranno degustate le varie annate con la presenza del brand manager Vittorio Cavaliere, presidente dell’associazione culturale Ricerca e Qualità, già noto personaggio del mondo enogastronomico pugliese.

A lui è affidato il compito di illustrare la filosofia da cui nascono i vini protagonisti di un nuovo, vincente connubio con le nostre, storiche pietre e di raccontare le peculiarità del territorio che li rendono particolarmente suggestivi.

La cena delle pietre riserverà in futuro nuovi ed importanti appuntamenti mirati alla valorizzazione del nostro territorio pugliese, al fine di renderlo fulcro centrale nel panorama del vino in Italia.

Condividi

Nessun commento

Commenta l'articolo